Saxophone Summit: Visitation

BY

Sign in to view read count
Saxophone Summit: Visitation
La formazione dei Saxophone Summit esiste ormai da diversi anni. Nella sua prima versione, quella di Gathering of Spirits (Telarc -2004), al fianco di Dave Liebman e Joe Lovano c'era anche lo scomparso Michael Brecker, qui sostituito da Ravi Coltrane (ma la registrazione è del febbraio 2011, mentre dallo scorso anno Coltrane è stato a sua volta sostituito da Greg Osby).
Considerando che nella sezione ritmica troviamo due leggende come Cecil McBee e Billy Hart, più un pianista di livello qual è Phil Markowitz, si potrebbe pensare ad un gruppo di All Stars . Saxophone Summit non è però una patinata operazione di mercato, né strizza l'occhio al pubblico con proposte celebrative o di facile ascolto.

In questo Visitation l'unica concessione, peraltro solo apparente, è la selezione rigorosamente paritetica dei brani in programma, uno a testa per ciascuno dei membri del gruppo.

Tutte le composizioni, comunque, mostrano notevole complessità strutturale e ricchezza di possibilità espressive. Vi dominano sempre la scrittura e la progettualità, che utilizzano le capacità dei singoli—pur lasciando loro spazi perfino in solitudine, come avviene nel lungo solo di tenore di Liebman in "Partition"—ma escludono ogni pericolo di trasformare l'incontro in una semplice jam session.

Gli scenari, pur mantenendo la complessità come elemento unificante, sono invero assai diversi tra loro: frammentata la traccia d'apertura, di Joe Lovano; più lirica e con influenze orientali la successiva, di Hart; particolarmente magmatica e libera "Point," di Markowitz; sospesa ed evocativa "Partition," di Liebman; di compassato sinfonismo "The Message" di Coltrane (con una iniziale quasi citazione del padre da parte di Ravi); più quieta, astratta e con inserti di lirismo cameristico (in paerticolare di Lovano al clarinetto contralto) la conclusiva "Consequence," di McBee.

In ogni caso, sempre una musica mutevole e viva, che richiede attenzione e che mette perfettamente a frutto le strepitose qualità dei protagonisti. Di tutti e non solo dei tre sassofonisti—tra i quali spicca comunque un come sempre straordinario Liebman, tanto al soprano quanto al tenore—con McBee che si esalta nella traccia conclusiva e Markowitz che attraversa l'intero lavoro dando saggi di varietà pianistica mai scontata.

Track Listing

Visitation; Balkis; The Message; Partition; Point; Consequence.

Personnel

Joe Lovano: sax (tenore e G soprano), clarinetto contralto; Ravi Coltrane: sax (tenore e soprano); Dave Liebman: sax (tenore e soprano); Phil Markowitz: pianoforte; Cecil McBee: contrabbasso; Billy Hart: batteria.

Album information

Title: Visitation | Year Released: 2015 | Record Label: ArtistShare

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Plan B
The Kevin Brady Electric Quartet
b.
Josh Sinton
Edizione Speciale
Enrico Rava
Svevning
Fredrik Rasten
Shadow Plays
Craig Taborn
Room 118
OSU Jazz Orchestra
Live at the Village Vanguard
Christian McBride & Inside Straight

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.