Home » Articoli » Sao Paulo Underground: Sauna: Um, Dois, Tres

1
Album Review

Sao Paulo Underground: Sauna: Um, Dois, Tres

By

Sign in to view read count
Sao Paulo Underground: Sauna: Um, Dois, Tres
Spostando la linea di latitudine decisamente verso sud - un po' come succedeva girando la grande manopola delle vecchie radio satellitari - il variegato progetto "Underground" guidato dalla cornetta di Rob Mazurek è approdato in Brasile, nazione in cui il musicista americano risiede da qualche tempo.

Ecco dunque che da Chicago giungiamo a questo sorprendente Sao Paulo Underground, in cui Mazurek è affiancato dal percussionista e musicista elettronico brasiliano Mauricio Takara, tra le figure trasversali più intriganti della fervida scena sudamericana. Come si può immaginare, lo scarto termico tra le nevi dell'Illinois e il sole - per quanto velato dallo smog - della metropoli paulista è piuttosto forte e questo fattore permette da subito alla musica di sfrigolare, di farsi più affollata, di svelare quell'anima meticcia che in fondo - sia pure con altre strategie - ha sempre dimostrato di avere.

Gli ingredienti sono davvero tanti: il dualismo tra cornetta e percussioni/elettronica che già con Chad Taylor [tra l'altro ospite del disco] viveva su di una telepatia raffinatissima viene qui prepotentemente imbastardito e parte del merito è sicuramente da ascrivere allo spregiudicato approccio digital-tropicalista di Takara: ecco dunque echi di samba, di funk, laddove la filigrana chicagoana si condensava in un afflato etnico, qui è la babele caldissima e caotica latina a irrompere nel tessuto delle improvvisazioni.

Miles elettrico rapito da Jorge Ben, i Can che flirtano con Don Cherry, Sun Ra che prende il sole sulla spiaggia di Copacabana, questa Sauna: Um, Dois, Tres accende bagliori allucinogeni come nelle strepitose "Afrihouse" e "Balao De Gas", un party danzato con i piedi sul bordo di una spaccatura da cui intravediamo l'abisso, lo smarrimento metropolitano post-coloniale dal quale solo l'eco di tamburi amazzonici ci può salvare.

Se quella di Chicago Underground era musica - splendida - per la mente, è davvero curioso come questo rovesciamento attorno all'asse dell'equatore abbia dato una forma così travolgente agli spiriti evocati da Mazurek: nemmeno cinquanta minuti per smontare definitivamente i confini di questo territorio e lasciare che la foresta di suoni allarghi le sue braccia e ci accolga.

Track Listing

01. Sauna: Um, Dois, Tres; 02. Pombaral; 03. The Realm Of The Ripper; 04. Olhossss...; 05. Afrihouse; 06. Black Liquor; 07. Balao De Gas; 08. Numa Grana

Personnel

Rob Mazurek (cornetta, elettronica); Mauricio Takara (percussioni, elettronica)

Album information

Title: Sauna: Um, Dois, Tres | Year Released: 2006 | Record Label: Aesthetics

Post a comment about this album

Tags

More

Persistence
Steve Knight
Chrysopoeia
Dave Rempis
Earthshine
Meridian Odyssey
Earth Patterns
Szun Waves

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.