All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

2

Satoko Fujii: un anno di celebrazioni

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
La pianista e bandleader giapponese Satoko Fujii è una delle protagoniste della musica improvvisata internazionale: in veste di leader o co-leader ha pubblicato più di 80 album spaziando da lavori in solo, piccoli organici e sontuosi progetti orchestrali. In questi evidenzia una personale e avvincente sintesi tra avanguardia post-free, sperimentazione accademica ed aspetti della tradizione culturale giapponese.
Per celebrare il sessantesimo compleanno (che avverrà esattamente il prossimo 9 ottobre) Satoko Fujii ha pensato di pubblicare un nuovo disco per ogni mese del 2018. Un ricco evento per tutti noi e un'occasione per far rievocare alla pianista le tappe centrali del suo percorso artistico, le sue fonti d'ispirazione e gli obiettivi futuri.

All About Jazz Italia: Il tuo sessantesimo compleanno viene festeggiato in modo splendido, con la pubblicazione di un disco al mese per l'intero 2018. Quali sono i primi dischi in programma?

Satoko Fujii: Una parte del programma è già messa a punto. Nel mese di gennaio è stato pubblicato il mio album Solo da un concerto giapponese; in febbraio esce Atody Man, quarto album del gruppo KAZE con i trombettisti Natsuki Tamura e Christian Pruvost e il batterista Peter Orins; in marzo uscirà Ninety-Nine Years della Fujii Orchestra Berlin; in aprile il CD Kira Kira Japan ancora da un concerto in Giappone; in maggio un disco in trio con Gianni Mimmo e Joe Fonda; in Giugno This Is It! un trio con Natsuki Tamura alla tromba e Takashi Itani alle percussioni.
Per i sei mesi successivi non è ancora del tutto definito. Mi piacerebbe pubblicare un duo pianoforte-Rhodes tra me ed Alister Spence e ancora una nuova incisione con la formula pianoforte-basso-batteria, la Fujii Orchestra Tokyo eccetera.

AAJ: Ho visto che tra i dischi in programma ce n'è uno con il sassofonista italiano Gianni Mimmo e il bassista Joe Fonda. Con quest'ultimo hai da poco pubblicato l'album Duet che ha ricevuto superlativi giudizi dalla critica. Com'è nata l'idea di aggiungere Mimmo?

SF: Nel mese di ottobre 2017 ho effettuato con Joe un tour in Europa ed abbiamo suonato con Gianni a Milano in una splendida situazione, registrando con lui il giorno successivo. Entrambi amiamo suonare con Mimmo.

AAJ: Uno dei tuoi ultimi dischi, Kisaragi, è un duo con il trombettista Natsuki Tamura dove, dall'inizio alla fine, evitate i consueti suoni strumentali. Qualcosa di splendidamente insolito. Ci puoi chiarire le motivazioni che stanno alla base di questa ricerca?

SF: Volevamo provare qualcosa di nuovo. Per la maggior pare del tempo uniamo nella nostra musica suoni strumentali inconsueti ma eravamo curiosi di verificare fino a che punto potevamo spingerci in questo territorio. Quando ci siamo messi a registrare non eravamo certi di poter realizzare un CD ma ora siamo soddisfatti di ciò che abbiamo fatto.

AAJ: Tu hai iniziato lo studio del pianoforte nella prima infanzia, suonando musica classica per circa quindici anni. Poi hai interrotto per qualche anno e hai ripreso come pianista jazz. Puoi ricordare i tuoi inizi nel mondo della musica e l'influenza di Fumio Ibatashi in quel percorso educativo?

SF: Quand'ero piccola ero molto timida e non volevo andare fuori a giocare con gli altri bambini. Nella nostra casa c'era un pianoforte perchè la mia sorella maggiore aveva già iniziato a suonarlo e presto divenne l'unico amico con cui dialogare. Per me improvvisare al pianoforte era come parlare coi miei amici. Avevo chiesto ai miei genitori di non mandarmi alla scuola materna ma loro pensavano che fosse meglio farmi uscire di casa perchè avessi un qualche tipo di vita sociale. Così iniziai a prendere lezioni di pianoforte classico. Amavo molto quelle lezioni ma dopo quindici anni di quello studio mi trovai che non sapevo più improvvisare. Fu una scoperta improvvisa e stetti molto male perchè ricordavo quanto mi piacesse improvvisare quand'ero piccola. Però potevo improvvisare con la voce, così decisi di lasciare il pianoforte per il canto e iniziai ad ascoltare jazz nei locali di Tokyo. Il pianismo di Fumio Itabashi era qualcosa di commovente e quella musica mi fece ricordare il grande amore che avevo avuto per il pianoforte. Così ritornai allo strumento.

AAJ: Cosa ricordi della scena musicale di Tokyo degli anni settanta?

SF: In quegli anni ero molto giovane ma ricordo ancora l'energia della scena musicale giapponese. C'erano parecchie attività culturali underground come la «Butoh Dance».

AAJ: Cosa ti ha spinto a trasferirti negli Stati Uniti per studiare alla Berklee?

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Liberation

Liberation

Satoko Fujii
Aspiration

Kunpuu

Kunpuu

Satoko Fujii
Kisaragi

Thought

Thought

Satoko Fujii
Invisible Hand

Ichigo Ichie 2

Ichigo Ichie 2

Satoko Fujii
Ichigo Ichie

Potential Energy

Potential Energy

Satoko Fujii
Yamiyo Ni Karasu

Running Around

Running Around

Satoko Fujii
Uminari

Gen Himmel

Gen Himmel

Satoko Fujii
Shiki

CD/LP/Track Review
  • Solo by Neri Pollastri
Interviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Atody Man

Atody Man

Libra Records
2018

buy
Solo

Solo

Libra Records
2018

buy
Solo

Solo

Libra Records
2018

buy
'Solo'

'Solo'

Libra Records
2018

buy
Solo

Solo

Libra Records
2018

buy
Fukushima

Fukushima

Libra Records
2017

buy

Related Articles

Read Dan Monaghan: The Man Behind The Swing Interviews
Dan Monaghan: The Man Behind The Swing
by Victor L. Schermer
Published: February 16, 2018
Read William Parker: Embracing The Unknown Interviews
William Parker: Embracing The Unknown
by Luke Seabright
Published: February 14, 2018
Read Helle Henning: Nordic Sounds Interviews
Helle Henning: Nordic Sounds
by Suzanne Lorge
Published: February 14, 2018
Read Mark Morganelli: Adds Club Owner To His Resume Interviews
Mark Morganelli: Adds Club Owner To His Resume
by R.J. DeLuke
Published: February 12, 2018
Read GoGo Penguin: Just Another Band From The Small Blue Planet Interviews
GoGo Penguin: Just Another Band From The Small Blue Planet
by Ian Patterson
Published: February 9, 2018
Read Thomas Strønen: Sense of Time Interviews
Thomas Strønen: Sense of Time
by Enrico Bettinello
Published: February 6, 2018
Read "Julian Priester: Reflections in Positivity" Interviews Julian Priester: Reflections in Positivity
by Paul Rauch
Published: December 8, 2017
Read "Carmen Rothwell: The Art of Intuition" Interviews Carmen Rothwell: The Art of Intuition
by Paul Rauch
Published: August 25, 2017
Read "Dominic Miller: From Sting to ECM" Interviews Dominic Miller: From Sting to ECM
by Luca Muchetti
Published: March 28, 2017
Read "Walter Smith III: Jazz Explorer" Interviews Walter Smith III: Jazz Explorer
by R.J. DeLuke
Published: April 19, 2017
Read "Eri Yamamoto: The Poet’s Touch" Interviews Eri Yamamoto: The Poet’s Touch
by Jakob Baekgaard
Published: May 20, 2017
Read "Joe La Barbera: Experiencing Bill Evans" Interviews Joe La Barbera: Experiencing Bill Evans
by Victor L. Schermer
Published: May 17, 2017