Home » Articoli » Album Review » NDR Big Band with Michael Moore: Sanctuary

NDR Big Band with Michael Moore: Sanctuary

By

Sign in to view read count
NDR Big Band with Michael Moore: Sanctuary


Sanctuary rilegge in formato orchestrale dieci composizioni di Moore, già incise in precedenza con sue formazioni; brani che acquisiscono nuove identità grazie agli arrangiamenti dello stesso leader e di tre colleghi: il prestigioso orchestratore olandese Henk Meutgeert e i pianisti/compositori Christian Elsasser e Frank Calberg.

Quest'album realizzato con la famosa big band tedesca è un'occasione per riaffermare il valore di Michael Moore sia come solista che come compositore, come fanno altre recenti produzioni discografiche: Cretan Dialogues inciso in quartetto e Slips, realizzato in trio con Barre Phillips al contrabbasso e Gerry Hemingway alla batteria.

Il virtuosismo del leader è ben noto ma in quest'album l'orchestra non si pone al suo esclusivo servizio e la musica si snoda esaltando la bellezza melodica dei temi, aggiungendo il contributo di altri componenti l'organico. Il radioso clarinetto di Moore rappresenta comunque la principale voce strumentale, in brani caratterizzati da sottigliezze cameristiche ed eleganti fondali di gusto impressionista.

L'inizio della selezione —una medley di due brani scritti per il quartetto "Fragile"— dà un chiaro esempio delle soluzioni dominanti: dopo un'introduzione cameristica col clarinetto in rubato, la melodia base viene sviluppata in quartetto fino ad acquisire ricchezza con sontuosi (e poi dinamici) fondali orchestrali. Scelte espressive ancor più ricercate s'evidenziano nel successivo "Igor," dedicato a Igor Stravinsky, con un quadro centrale in libera improvvisazione.

In senso molto generale potremmo parlare di Third Stream Music ma qui le scelte sono più variopinte e talvolta eccentriche: "Shotgun Wedding" è un bel tributo al jazz classico mentre "Brunheiras" innesta in un aristocratico tema cameristico un graffiante quadro rock con protagonisti la chitarra distorta di Sandra Hempel e la batteria di Tom Rainey. Altro brano fantasioso (ma con una morbida ritmica latina) è "Odin," caratterizzato dal notevole intervento del sassofonista Fiete Felsch.

In conclusione un album con molte idee felici, tanto elegante quanto inventivo.

Album della settimana.

Personnel

Michael Moore
clarinet
Felix Meyer
trumpet
Dan Gottshall
trombone
Fiete Felsh
saxophone, alto
The NDR Big Band
band / ensemble / orchestra
Gabriel Coburger
saxophone, tenor
Luigi Grasso
saxophone, baritone
Ingmar Heller
bass, acoustic
Marcio Doctor
percussion
Tim Hagans
trumpet

Album information

Title: Sanctuary | Year Released: 2020 | Record Label: Ramboy


< Previous
Spring 2020

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

8 Concepts of Tango
Hakon Skogstad
How Long Is Now
Christian Marien Quartett
Heartland Radio
Remy Le Boeuf’s Assembly of Shadows

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.