Home » Articoli » Carlo Bernardinello: Rain Makers

Album Review

Carlo Bernardinello: Rain Makers

By

Sign in to view read count
Carlo Bernardinello: Rain Makers
Se proprio non si riesce con un produttore di una certa importanza almeno si può provare a fare dell´autoproduzione. È quello che si sarà detto il batterista Carlo Bernardinello, sfornando una serie di incisioni molto interessanti con il suo gruppo e degli ospiti come il pianista Lars Jansson ed ora su quest´ultimo lavoro vibrafonista Mike Mainieri.

Una scelta molto azzeccata quella di coinvolgere una figura importante della musica americana, leader degli Steps Ahead, produttore nei generi jazz e pop, insomma un personaggio "globale" che ha fatto di tutto e suonato, agli inizi, con personaggi storici come Billie Holiday e Wes Montgomery!

E questo tipo di esperienza, di carisma, si diffonde per il disco, facendone un`incisione molto matura, in cui il collettivo intorno al leader e batterista Carlo Bernardinello si amalgama intorno all´ospite fornendo una prestazione di tutto rispetto, anche al confronto con i colleghi americani con cui Mainieri ha inciso copiosamente.

Fra jazz e fusion, qualche tema che potrebbe essere riciclato nel genere pop con un poco di immaginazione, la musica scorre come la pioggia del titolo, senza fermarsi. Una parte del merito va al sassofonista Claudio "Wally" Allifranchini, autore di arrangiamenti molto interessanti in sei brani. Uno standard, il "Moon River" di apertura viene affrontato in modo spigliato e moderno, la bossa nova di "This foolish Bossa" pure rilanciata nella modernità con il basso elettrico e la batteria dai toni fusion.

Non mancano le ballad, ad esempio "Vureli," insomma il disco si dipana affrontando le coordinate di un mainstream molto moderno che si lascia contaminare, senza remore da quello che è stato fatto negli ultimi decenni. Una cosa matura e che, rifiutato dai produttori più importanti ha avuto almeno il merito di trovare una sua distribuzione sul web presso i più importanti operatori del settore.

Sul brano finale si lascia spazio alla chitarra dell´altro ospite, Fabrizio Spadea, in un assolo molto concentrato, un "That´s My Job" intenso in cui la modalità e la fusion si mostrano dal loro lato migliore, dal bel tema del leader, all´arrangiamento alla prestazione dei solisti. Well done, Carlo!

Track Listing

01. Moon River (Henry Mancini) - 6:18; 02. All in a Row (Mike Mainieri) - 4:21; 03. Freely (Carlo Bernardinello) - 4:19; 04. Dance (Carlo Bernardinello) - 6:10; 05. Los dos Lorettas (Mike Mainieri) - 6:48; 06. Carlo´s Waltz (Claudio Allifranchini) - 4:54; 07. Vureli (Fabio De March) - 5:31; 08. This Foolisch Bossa (Fabio De March) - 5:03; 09. That´s My Job (Carlo Bernardinello) - 6:28;

Personnel

Mike Mainieri (vibrafono); Carlo Bernardinello (batteria); Fabio De March (basso); Lorenzo Erra (piano, tastiere); Claudio "Wally" Allifranchini (sax, flauto); Fabrizio Spadea (chitarra 9);

Album information

Title: Rain Makers | Year Released: 2011 | Record Label: Point of Departure, WMPG-FM

Post a comment about this album

Tags

More

Siwan: Hafla
Jon Balke
Head Borders
The Young Immigrants
Fire In The West
Neil Swainson
Blues Etudes
Rob Magill

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.