Home » Articoli » Dejan Terzic: Prometheus

1
Album Review

Dejan Terzic: Prometheus

By

Sign in to view read count
Dejan Terzic: Prometheus
Quella allestita da Dejan Terzic -batterista tedesco di origine bosniache -per dar vita alle sue dieci composizioni, è una formazione di tutto rispetto. Accanto al virtuoso pianista serbo Bojan Zulfikarpasic, troviamo il prolifico (è presente in oltre un centinaio di registrazioni, molte con nomi eccellenti) contrabbassista neozelandese Matt Penman e Chris Speed, sassofonista, clarinettista e compositore da quasi trent'anni figura tra le più in vista dell'avanguardia newyorchese.

Una sorta di supergruppo atipico -lontano da roboanti e un pò ruffiani ammiccamenti soliti in questo tipo di formazioni -che esibisce, piuttosto, un affiatamento e una compostezza tipica di ensemble di lungo corso. Merito dell'attitudine dei protagonisti a mettersi al servizio di un'idea comune, della scrittura di Terzic attenta alla forma pur nel rispetto delle singole libertà, e delle doti di leader discreto, attento a valorizzare le qualità dei solisti all'interno di una strategia comune.

Il drumming di Terzic è esuberante quanto basta, l'energia -indirizzata nel posto giusto al momento giusto -valorizza le dinamiche interne del gruppo e offre una interessante e mai banale varietà di atmosfere. La presenza di due musicisti di origine balcanica non tragga in inganno, a prevalere sono sonorità e metriche metropolitane, la musica è tesa, a tratti frammentata. Speed è maestro in questo tipo di approccio mentre Bojan Z trova un efficace equilibrio tra la ricchezza espressiva che lo contraddistingue ed asciutte, efficaci armonizzazioni. E se proprio non potete rinunciare a ballare, pigiate il tasto repeat su "Sundance," non ve ne pentirete!

Track Listing

Prometheus; Cobblestones; Anagramma; Red; Addition and Subtraction; Run Through the Fields; Sundance; Tragoidia; Turbofolk; New Parasomnia.

Personnel

Dejan Terzic: batteria; Chris Speed: sax; Bojan Zulfikarpasic: piano; Matt Penman: contrabbasso.

Album information

Title: Prometheus | Year Released: 2017 | Record Label: CAM Jazz


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Swings High
Joe Harriott
Séances
Trevor Dunn's Trio-Convulsant avec Folie À Quatre
Songs Of Ascent Book 1—Degrees
Dave Douglas Quintet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.