Home » Articoli » Mary Halvorson - Jessica Pavone: On and Off

1
Album Review

Mary Halvorson - Jessica Pavone: On and Off

By

Sign in to view read count
Mary Halvorson - Jessica Pavone: On and Off
L'aspettavo al varco questa seconda prova della coppia Halvorson-Pavone. Dopo un album d'esordio passato quasi inosservato - Prairies, uscito per la spagnola Lucky Kitchen nel 2005 -, cinque anni di attività per lo più sui palchi newyorchesi e una serie di fruttuose collaborazioni (la più recente nel sestetto del trombettista Taylor Ho Bynum; la più singolare quella della Halvorson nei People, a fianco dell'ex Storm & Stress Kevin Shea), alle due “figliocce” dell'affettuoso e genialoide Braxton mancava solo la consacrazione definitiva.

Mancava, appunto, perchè il presente lavoro supera di gran lunga le attese - se non altro le mie - e vale come iscrizione a pieno diritto nella categoria delle cose più interessanti ascoltate negli ultimi mesi.

Un disco sorprendente questo On and Off, che si muove in territori principalmente di confine, in spazi precari e privi di collocazione, seguendo traiettorie marginali a qualsiasi facile definizione, esibendo una recalcitrante riluttanza nel lasciarsi descrivere e inquadrare.

Vi confluiscono, intrecciandosi, le più svariate suggestioni: l'improvvisazione rigorosa e radicale di scuola europea e braxtoniana (la parte centrale di “Crawling”); certe esperienze di matrice post-rock e slowcore (“Speaking with Silence”); una venatura dolciastra e inquietante di folk stralunato, con tanto di cantilene infantili e paranoiche (la dolcissima “Hartford”, un viaggio di andata e ritorno dal profondo dell'America di provincia al noise più feroce); richiami espliciti al repertorio classico contemporaneo (“The Wand”); un gusto paradossale e grottesco per il pop (“On and Off”, “Revo-Lover” e il canto serafico della conclusiva “I Am Fine”, con arrangiamenti spettrali degni del primo Smog - alias Bill Callahan). Insomma, un bel calderone ribollente, un'autentica borsa di Mary Poppins - per gli amanti dell'animazione giapponese potrei citare il marsupio di Doraemon - dal quale si riesce ad estrarre un repertorio inesauribile di bizzarre invenzioni e mirabolanti cianfrusaglie.

Brillano nel corso delle 12 tracce, poco meno di una quarantina di minuti, le splendide doti strumentali, compositive e interpretative della coppia di streghette: la contorta e precaria Mary, sospesa tra Derek Bailey e le sghimbesce architetture di David Grubbs; la sanguigna e struggente Jessica, più vicina alla straziante voce di John Cale che all'algida compostezza di Mat Maneri.

Crudeli ammaliatrici! Quale infallibile filtro avete usato per sedurre il mio cuore?

Visita i siti di Mary Halvorson e Jessica Pavone.

Personnel

Mary Halvorson: guitar.

Album information

Title: On And Off | Year Released: 2007 | Record Label: Sony Urban Music

Post a comment about this album

Tags

More

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.