Home » Articoli » Brown Vs Brown: Odds and Unevens

Album Review

Brown Vs Brown: Odds and Unevens

By

Sign in to view read count
Brown Vs Brown: Odds and Unevens
Quattro musicisti di Amsterdam approdano alla Cuneiform Records, che immediatamente si rivela "casa naturale" della band.

Dai primissimi secondi intuiamo che ascolteremo un gruppo di musicisti estremamente affiatato cercare attraverso l'improvvisazione controllata la sintesi delle proprie idee musicali.

Nelle atmosfere nebbiose e stratificate di "Whirpool" sono presenti le derive della musica jazz, o le derive della musica rock, quello scontro di acque di due fiumi, di due stili che hanno iniziato i loro percorsi culturali nel Novecento probabilmente senza immaginare che sarebbero sopravvissuti anche nel nuovo Secolo. John Zorn, i Ruins, gli Zu tra gli altri, hanno raccolto con sfumature lievemente differenti questo spunto, estrapolando dal rock e dal jazz la loro sostanza vitale, la loro spinta anarchica. Hanno succhiato un melograno e ne hanno sputato i semi.

Ecco allora che l'estetica della musica si fonda sull'elemento sorpresa, sul coup de théatre, sul voluto e desiderato tentativo "mancato" di scrivere una canzone. Ecco allora il collage di "The Adventures of Billy Spontana," tentativo di raccontare una storia senza parole, un piccolo cortometraggio acustico.

Per contrasto le note sfumano e il banjo di "For Jason, Mark and Joe" suona asettico e misterioso e la polvere resta sugli strumenti nonostante il groove secco e lucido.

Stessa formula alchemica è utilizzata in "Sirens All Aroud Us," in cui lo spazio acustico viene volutamente nascosto, con la presenza/assenza di suoni vicini e lontani dall'ascoltatore, operazione che serve ancora una volta a confondere l'ascoltatore. Musica senza luogo, ma in un tempo preciso, meditata, ragionata e calcolata appena un istante prima di essere suonata. Ecco allora il susseguirsi astratto di "Alloy," in cui questa band diviene un'orchestra, e quindi in cui sassofono, vibrafono, batteria, basso e chitarra sembrano dimenticarsi della presenza gli uni degli altri, lavorando su un suono "senza coscienza," ma legato misteriosamente da fili invisibili.

Track Listing

01. Whirpool (J.Kimman) 02. Sang Froid (D.Bruinsma) 03. The Adventure of Billy Spontana (V.Nybacka) 04. For Jason, Mark and Joe (J.Kimman) 05. For Michael (V.Nybacka) 06. Sirens All Around Us (D.Bruinsma) 07. Alloy (D.Bruinsma).

Personnel

Viljam Nybacka (basso, voce); Dirk Bruinsma (sassofono alto e baritono, vibrafono, voce); Gerri Jager (batteria, percussioni, voce); Jeroen Kimman (chitarra, banjo, percussioni, voce, harmonium, registratori, piano).

Album information

Title: Odds and Unevens | Year Released: 2010 | Record Label: Cuneiform Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Short Stories
Gareth Williams
Bagman Live At Cafe Oto
Sture Ericson / Pat Thomas / Raymond Strid
Camaraderie
BrandonLee Cierley
New Oxford Brevity
Dominic Lash / Pat Thomas

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.