Angelika Niescier, Florian Weber: NYC Five

Stefano Merighi BY

Sign in to view read count
Angelika Niescier, Florian Weber: NYC Five
Una bella pattuglia di ragazze sassofoniste sono maturate in questi ultimi anni. E accanto alle varie Matana Roberts, Ingrid Laubrock, Mette Rasmussen, Virginia Genta, si accomoda ora Angelika Niescier, musicista davvero straordinaria, impegnata sia artisticamente che socialmente. Polacca di nascita, tedesca di adozione (dirige il Winterjazz a Colonia), giramondo di vocazione (ha lavorato nella striscia di Gaza, Egitto, Haiti). Il suo attivismo l'ha portata a frequentare New York e la scuola contemporanea che ben conosciamo e ad incidere il premiato Quiet Simply nel 2011, con Tyshawn Sorey e Chris Tordini.
Questi ultimi fanno parte del gruppo protagonista di NYC Five, completato dal pianista tedesco Florian Weber (co-direttore del quintetto) e da Ralph Alessi.

Se a volte queste collaborazioni servono più che altro a far curriculum, in questo caso non è proprio così: le personalità di Niescier e Weber si affermano con disinvoltura e assorbono con saggezza il valore aggiunto degli americani. I quali condividono il piano dell'opera e fanno gioco di squadra in relax. La musica è varia e ben costruita ed esplora un percorso che può partire dall'attitudine aperta e ritmicamente fragrante di "The Barn Thing," che guarda alla spavalderia del secondo quintetto di Miles e arriva ai virtuosismi metrici di uno Steve Coleman, autore ben presente come riferimento in tutto l'album. Dunque una jazz frammentato e squisitamente metropolitano, che sintetizza le lingue dell'oggi senza mai perdere il contatto con la grammatica della storia.

E accanto alle tracce angolose e dalla velocità contagiosa, si distendono anche brani dal più ampio respiro, come la splendida "Invaded": costruita come ballad, si apre poi in diverse sezioni armoniche, con Weber che sente l'ombra di Hancock, il basso di Tordini influente e narrativo, oltre a un Sorey al solito implacabile dispensatore di finezze, stavolta con le spazzole. Proprio il batterista garantisce al fluire della musica una quadratura costante e regala sfumature deliziose, mostrando ancora una volta quale sia la sua flessibilità.

Angelika Niescier suona il contralto con una padronanza ferrea, usa armi affilate ma le bilancia con parsimonia e sa essere carezzevole; Weber è pianista-regista, mentre le sortite di Ralph Alessi non hanno bisogno di commenti, essendo sempre discrete e al totale servizio del sound d'assieme.

Track Listing

The Barn Thing; And Over; Invaded; The Liquid Stone; Parsifal; Fr Krefeld.

Personnel

Angelika Niescier: sassofoni; Ralph Alessi: tromba; Florian Weber: piano; Christopher Tordini: contrabbasso; Tyshawn Sorey: batteria.

Album information

Title: NYC Five | Year Released: 2016 | Record Label: Intakt Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Narratives
Alisa Amador
Trust Me
Gerry Eastman Trio
Wandersphere
Stephan Crump
This Land
Theo Bleckmann & The Westerlies
Trust Me
Gerry Eastman Trio

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.