Home » Articoli » Massimorganti Quartet: Musiplano

Album Review

Massimorganti Quartet: Musiplano

By

Sign in to view read count
Massimorganti Quartet: Musiplano
Quello capitanato dal trombonista Massimo Morganti è un quartetto molto affiatato, dal grande senso melodico e dalle doti tecniche piegate costantemente a favore di una profonda espressività.

Questo grazie alla scrittura del leader - già direttore della Colours Jazz Orchestra e sideman in diversi progetti - , che firma cinque dei sette brani in scaletta, dove troviamo una concezione melodica che esalta la voglia di intavolare discorsi complessi e allo stesso momento comprensibili, ai quali partecipa, in maniera determinante, il chitarrista Angelo Lazzeri. Insieme a Morganti formano una coppia vincente, in grado di catturare l'attenzione per l'intera durata di Musiplano, un album sincero e suonato con la giusta grinta e senza mai strafare. In tal senso si rivelano basilari i contributi della sezione ritmica (Gabriele Pesaresi: contrabbasso e Stefano Paolini: batteria) che vanno a formare un'intelaiatura solida, che permette ai due solisti di ritagliarsi passaggi grintosi, come in "Signor K," o di ricamare ellissi melodiche che valorizzano a più riprese la tracklist.

Lo si potrebbe definire cool jazz, senza però dimenticare sia le atmosfere bluesy che pervadono la musica di Morganti che i passaggi leggermente più marcati che spostano l'equilibrio stilistico verso un territorio boppistico. Lo si potrebbe meglio definire come un ottimo lavoro, che si lascia ascoltare più volte e sempre con rinnovato interesse.

Track Listing

1. Bill Ates; 2. Gioco C.; 3. Musiplano; 4. Like Someone in Love; 5. I’ll Remember April; 6. Signor K.; 7. Stella.

Personnel

Massimo Morganti: trombone; Angelo Lazzeri: chitarra; Gabriele Pesaresi: contrabbasso; Stefano Paolini: batteria.

Album information

Title: Musiplano | Year Released: 2012 | Record Label: Trios Enoteca

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Pan Africa
Derrick Gardner & The Jazz Prophets
Antonyms
Dominic Lash, Alex Ward
The Source
Kenny Barron
Espérame en el Cielo
Gilbert Castellanos

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.