Home » Articoli » Album Review

Mark Dresser: Modicana

By

Sign in to view read count
Mark Dresser: Modicana
Titoli decisamente singolari, stravaganti come a volte sa essere il personaggio, formato LP (primi tre brani sul lato A, restanti quattro sul retro), perfetto equilibrio fra archettato (in cui il Nostro è maestro) e pizzicato (non senza l'irrompere pur discreto di rumorismi più o meno episodici, che vanno comunque infittendosi verso la fine) e una qualità costantemente elevata capace di tener desta l'attenzione di chi ascolta, pur sul terreno potenzialmente scivoloso di un monologo totale di contrabbasso, sono le componenti che più saltano all'occhio di quest'ultimo, ottimo, album di un Mark Dresser particolarmente (nonché felicemente) prolifico da ormai diversi anni a questa parte.

L'attacco è al fulmicotone, frutto di un robusto archettato (generalmente i pezzi dispari sono appunto dedicati all'archetto, quelli pari al pizzicato, regola peraltro non rispettata nel comparto finale dell'album), suono pieno e denso, imponente, sontuoso, spesso rapsodico. Il pizzicato, che come accennato fa il suo ingresso a partire da "For Glen Moore," poggia invece su un deambulare fisiologicamente più sciolto, mobile, pur sempre partendo da una cavata possente e molto plastica.

Si procede così, grosso modo sino alla fine, con le carte che come accennato si mischiano un po' nei brani conclusivi, sempre dando l'impressione del perfetto controllo della materia da parte del performer, peraltro in grado di scongiurare ovunque ogni sia pur minima parvenza di maniera. Sinceri complimenti.

Track Listing

Invocation Umea; For Glen Moore; Threaded; Hobby Lobby Horse; Modicana Teatro Greco; Modicana Shakeratu Non Zuccheratu; Modicana Panettiere.

Personnel

Mark Dresser: upright bass.

Album information

Title: Modicana | Year Released: 2017 | Record Label: NoBusiness Records

Post a comment about this album

Tags

More

Tentacles
Stick Men
Nomad
Jordan VanHemert
Induction
Burkhard Beins, John Butcher, Werner Dafeldecker
Fragile
Ingrid Laubrock and Andy Milne

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.