Home » Articoli » Album Review » Albert van Veenendaal: Minimal Damage

Albert van Veenendaal: Minimal Damage

By

Sign in to view read count
Albert van Veenendaal: Minimal Damage
Prendete un bravo ricercatore che già in passato si sia messo in luce per interessanti sperimentazioni sonore molto vicino agli universi di Cage e che ami il minimalismo ricercato. Immergetelo nel grande mare della musica contemporanea attuale, magari in un paese che di queste cose ne sa un bel po' come l'Olanda (anche se poi ai concerti di questa tipologia musicale da quelle parti ci va davvero poca gente). Dategli un pianoforte preparato sul quale potersi divertire e chiedetegli di pensare ed eseguire una sorta di piccolo festival di suono minimalista alternativo ai sacri nomi (Glass, Reich e via di conserva).

Il risultato, piuttosto interessante per l'uso "crudo" e secco delle sonorità prescelte, si può chiamare Albert Van Veenendaal, creativo cinquantaquattrenne da Amsterdam che forse qualcuno ricorderà a capo di un gruppo davvero particolare: i Pavlov, pochi anni fa alle prese con un improbabile quanto divertente omaggio non ortodosso a Frank Sinatra.

La sua è in qualche modo musica cinematica, ricca di modalità percussive dalle vive colorazioni, forse le stesse che colpirono tanti anni fa Steve Reich alla ricerca delle fonti filosofiche della musica Gamelan. Van Veenendaal riesce a scardinare l'ovvietà grazie ad un progetto che sembrerebbe formulato per tastiere elettroniche e invece di elettronica... neanche l'ombra. Diavolo di un olandese. Però è davvero tutto lì e manca, forse, il passo in più che avrebbe spostato tutto su ben altre prospettive.

Track Listing

1. The Spy and the Vampire 5:28; 2. Tear Dance 1:47; 3. Frog Song 1:28; 4. Mechanic Mushroom 2:45; 5. Pirouetteke 1:50; 6. Daily Values 1:38; 7. Sea Monkeys 2:46; 8. Minimal Damage 5:27; 9. Old Frogs 0:59; 10. Histoire pneumatique 2:01; 11. Whales 3:17; 12. Goodbye Pork Pie Hat 2:09; 13. Dark Days & the Moon 1:49; 14. Transition 1:59; 15. Zen Gardening 2:55; 16. Slow Boat 2:52.

Personnel

Albert van Veenendaal (piano preparato).

Album information

Title: Minimal Damage | Year Released: 2010


< Previous
It's About Time

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Escape
Ellie Lee
Red Planet
Marco Colonna / Edoardo Marraffa / Fabrizio Spera...
The Salerno Concert
Bob Mover / Walter Davis Jr.

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.