Home » Articoli » Album Review » Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman

Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman

By

Sign in to view read count
Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman
Venticinque anni, venti dei quali dedicati allo studio della musica, prima sul pianoforte per passare poi al clarinetto, al flauto traverso, alla batteria e finalmente, dieci anni fa, al basso elettrico: questo in estrema sintesi il percorso di Roberta Brighi, leader del sestetto di giovani musicisti protagonista di questo ambizioso lavoro interamente dedicato alla musica di Ornette Coleman.

Il programma prevede esclusivamente brani del primo Ornette e li rilegge di fatto in modo molto singolare: infatti, gli arrangiamenti della Brighi trasportano i temi ornettiani su atmosfere diverse, vuoi per la coralità del lavoro dei fiati, per gli interventi più tradizionali della voce e per la presenza del pianoforte, eludendo la concitazione e l'intreccio magicamente caotico del quartetto classico del sassofonista di Fort Worth, sostituiti da un'ordine e da una pulizia favoriti anche dal lavoro molto preciso della ritmica; al tempo stesso, però, questo sensibile cambiamento di clima e di colore non tradisce in alcun modo la musica originale, trasmettendone solo le emozioni in una forma diversa.

E questo vale sia in quei brani nei quali viene conservato l'impianto strumentale—per esempio "W.R.U.," che si apre con un'introduzione del basso elettrico della Brighi e poi dà spazio ad assoli, dei sax e della batteria, assai più composti di quelli della formazione di Ornette e a momenti rarefatti —sia laddove si aggiunge la voce di Giorgia Sallustio—per esempio in "Peace," dove essa prima amplia la scena timbricamente, poi la cambia del tutto con un assolo in scat. E non mancano momenti particolarmente curiosi, come un "Chronology" suonato "alla vecchia," sia nelle sonorità, sia nelle scelte di fraseggio degli assoli.

Certo, non tutto convince pienamente—per esempio c'è qualche momento di mainstream di troppo—ma complessivamente l'operazione è interessante, proprio perché condotta su un autore che, pur diventato "classico," resta un momento a se stante della storia del jazz. Ottima la prestazione di tutti i musicisti, che—anche quando impegnati in assolo, come Natan Sinigaglia in "W.R.U." o Gianluca Zanello in "Ramblin"—lavorano di concerto per la realizzazione di un prodotto che è sostanzialmente di gruppo.

Track Listing

Una Muy Bonita; Lorraine; W.R.U.; Peace; Ramblin’; Chronology; Lonely Woman; Congeniality.

Personnel

Roberta Brighi: bass; Giorgia Sallustio: voice; Gianluca Zanello: alto saxophone; Natan Sinigaglia: tenor saxophone; Lorenzo Blardone: piano; Andrea Bruzzone: drums.

Album information

Title: Lonely Woman | Year Released: 2018 | Record Label: Caligola Records

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Whisper Not
Paul Kendall
Duo Work
Grdina/Lillinger
Tubes
Sam Newsome
Blue Topaz
Peter Hand

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.