Home » Articoli » Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman

Album Review

Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman

By

Sign in to view read count
Roberta Brighi L.W. 6tet: Lonely Woman
Venticinque anni, venti dei quali dedicati allo studio della musica, prima sul pianoforte per passare poi al clarinetto, al flauto traverso, alla batteria e finalmente, dieci anni fa, al basso elettrico: questo in estrema sintesi il percorso di Roberta Brighi, leader del sestetto di giovani musicisti protagonista di questo ambizioso lavoro interamente dedicato alla musica di Ornette Coleman.

Il programma prevede esclusivamente brani del primo Ornette e li rilegge di fatto in modo molto singolare: infatti, gli arrangiamenti della Brighi trasportano i temi ornettiani su atmosfere diverse, vuoi per la coralità del lavoro dei fiati, per gli interventi più tradizionali della voce e per la presenza del pianoforte, eludendo la concitazione e l'intreccio magicamente caotico del quartetto classico del sassofonista di Fort Worth, sostituiti da un'ordine e da una pulizia favoriti anche dal lavoro molto preciso della ritmica; al tempo stesso, però, questo sensibile cambiamento di clima e di colore non tradisce in alcun modo la musica originale, trasmettendone solo le emozioni in una forma diversa.

E questo vale sia in quei brani nei quali viene conservato l'impianto strumentale—per esempio "W.R.U.," che si apre con un'introduzione del basso elettrico della Brighi e poi dà spazio ad assoli, dei sax e della batteria, assai più composti di quelli della formazione di Ornette e a momenti rarefatti —sia laddove si aggiunge la voce di Giorgia Sallustio—per esempio in "Peace," dove essa prima amplia la scena timbricamente, poi la cambia del tutto con un assolo in scat. E non mancano momenti particolarmente curiosi, come un "Chronology" suonato "alla vecchia," sia nelle sonorità, sia nelle scelte di fraseggio degli assoli.

Certo, non tutto convince pienamente—per esempio c'è qualche momento di mainstream di troppo—ma complessivamente l'operazione è interessante, proprio perché condotta su un autore che, pur diventato "classico," resta un momento a se stante della storia del jazz. Ottima la prestazione di tutti i musicisti, che—anche quando impegnati in assolo, come Natan Sinigaglia in "W.R.U." o Gianluca Zanello in "Ramblin"—lavorano di concerto per la realizzazione di un prodotto che è sostanzialmente di gruppo.

Track Listing

Una Muy Bonita; Lorraine; W.R.U.; Peace; Ramblin’; Chronology; Lonely Woman; Congeniality.

Personnel

Roberta Brighi: bass; Giorgia Sallustio: voice; Gianluca Zanello: alto saxophone; Natan Sinigaglia: tenor saxophone; Lorenzo Blardone: piano; Andrea Bruzzone: drums.

Album information

Title: Lonely Woman | Year Released: 2018 | Record Label: Caligola Records

Post a comment about this album

Tags

More

The Meeting
Jimmy Branly
Night Vision
Carole Nelson Trio

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.