All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Alessandro Giachero: Live at Met Jazz

BY

Sign in to view read count
Alessandro Giachero: Live at Met Jazz
Autoprodotto da Metastasio Jazz in collaborazione con Siena Jazz, questo CD documenta uno degli ultimi concerti in piano solo di Alessandro Giachero, la mattina del 9 febbraio 2020, otto mesi prima della sua inaspettata scomparsa. Il concerto faceva parte del programma del festival pratese e si tenne nella sala Zipoli della scuola di musica Giuseppe Verdi, di fronte a un pubblico piuttosto folto che rimase sorpreso ed entusiasta di quanto proposto dall'artista piemontese—da anni peraltro residente a Siena, dove coordinava le attività di Siena Jazz.

Le ragioni dell'entusiasmo le avevamo già indicate all'epoca del concerto, al quale eravamo presenti (clicca qui per leggerne la recensione): l'ora e un quarto di musica (rispetto al concerto mancano qui i bis) attraversa innumerevoli scenari, passando dalla classica al jazz, dalla sperimentazione all'evocazione di tradizioni mediorientali, utilizzando molteplici tecniche e stilemi, inclusi gli interventi sulle corde. Il tutto senza soluzione di continuità—cosicché anche il disco si compone di una sola traccia—sebbene il lungo e articolato viaggio raccolga una serie di composizioni dello stesso Giachero solo in parte edite, che Stefano Zenni (direttore artistico di Met Jazz e curatore del disco assieme a Ester Dolce e Fabrizia Bettazzi) elenca nelle note di copertina: "Ignoto," "Puzzle," "Qawwali," "O.S.C," "Yago," "Eros & Thanatos," "danza," "Tai Komol," "Aranea," "Nucleo," "Pianure." Ma le transizioni tra i diversi brani, il pensiero drammaturgico con le quali il pianista le concatena e la coerenza del suo lavoro esecutivo fanno sì che l'intero lavoro appaia come una suite unitaria, anzi persino come una lunga improvvisazione istantanea.

Il fatto che il disco provenga da una registrazione di fortuna e che il suono non sia perciò perfetto non toglie niente alla bellezza del lavoro, che—anche aldilà della sua complessa varietà e dello stupefacente modo in cui viene messa in scena—ha momenti di forte impatto emotivo e di pura poesia, tali che che si ascolta e riascolta—fino al rarefatto commiato, un delizioso pedale sulle note alte—ogni volta con rinnovata meraviglia e scoprendivi nuove cose. Ascolti che rinnovano anche il dolore per l'inopinata scomparsa di Giachero, grandissimo musicista e persona squisita, del quale è peraltro appena uscito per Abeat Altrove, un inedito doppio album con T.R.E., il suo storico trio assieme a Stefano Risso e Marco Zanoli, ed è annunciato il secondo album di Sonoria, l'affascinante quartetto con il quale il pianista pubblicò nel 2020 il suo ultimo disco (clicca qui per leggerne la recensione). Di entrambi ci occuperemo al più presto.

Album della settimana.

Track Listing

Live at Met Jazz

Personnel

Alessandro Giachero: piano.

Album information

Title: Live at Met Jazz | Year Released: 2021 | Record Label: Autoprodotto

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Take That Back
Joan Hutton & Sue Orfield
A New Light
Eric Goletz
Blue Vision
Eric Person
Natten
Bremer/McCoy
Dancing Shadows
Tyler Mitchell
A Soft Day's Night
Bridge Of Flowers
Dedications
The Larry Douglas Alltet
Soul In Plain Sight
Angelika Niescier & Alexander Hawkins

Popular

The 7th Hand
Immanuel Wilkins
12 Stars
Melissa Aldana
2 Blues For Cecil
Andrew Cyrille, William Parker & Enrico Rava

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.