Home » Articoli » Live Review » Lana Meets Jazz - X Edizione

1

Lana Meets Jazz - X Edizione

Lana Meets Jazz - X Edizione

Courtesy Christian Miorandi

By

Sign in to view read count
Lana Meets Jazz
Lana (BZ)
15-20.06.2022

Sarà per lo spazio dedicato agli allievi delle scuole di musica locali, cui viene offerta la possibilità di esibirsi e condividere il palco con musicisti affermati. O forse per una programmazione musicale che non ha timore di affiancare avanguardia e tradizione, musiche popolari e di ricerca, ponendo come unica condizione la qualità.

Sarà per la splendida ospitalità della struttura che accoglie musicisti e addetti ai lavori. O forse perché gli organizzatori del festival, Helga Plankensteiner e Miki Lösch, sono anch'essi jazzisti e dunque sanno benissimo come accogliere e far sentire a proprio agio i musicisti.

Sta di fatto che nel corso degli anni il Lana Meets Jazz ci ha abituato ad uno stile unico. Rigoroso ma al tempo stesso rilassato e all'insegna di un understatement che rende l'esperienza del festival, sia per chi ci suona che per chi assiste ai concerti, estremamente piacevole.

Nell'edizione di quest'anno, la decima, è stata inoltre posta particolare attenzione nell'abbinare ogni concerto alla giusta sede. Il virtuosismo acustico, intriso di echi brasiliani, del duo Gabriele Mirabassi e Simone Zanchini al Galanthus, un suggestivo orto botanico. La big band giovanile dell'Alto Adige nella piazza principale del paese. Le scansioni poliritmiche e gli echi vagamente progressive del quintetto di Mirko Pedrotti al Café Bistro Walter. Il giro del mondo, con un occhio di riguardo all'America Latina, del sestetto Nada Mas Fuerte di Mauro Ottolini nel dehors dell'hotel Schwarzschmied...

Non avendolo mai ascoltato, avevamo una certa curiosità per il quartetto della pianista inglese Julie Sassoon (Lothar Ohlmeier a sax e clarinetti, James Banner al contrabbasso, Rudi Fischerlehner alla batteria). Il concerto ci ha lasciato però con sensazioni contrastanti. Per via di un uso eccessivo del registro medio, che ha limitato la paletta espressiva, ma soprattutto perché la musica proposta, indubbiamente articolata e di alte ambizioni, sembrava a tratti accontentarsi di rendere manifesta la propria complessità, risultando poco comunicativa e vagamente pretenziosa.

Di tutt'altra fattura il concerto, svoltosi all'Ansitz Goldegg, del quintetto Jelly Roll di Helga Plankensteiner (Achille Succi al clarinetto basso, Glauco Benedetti alla tuba, Michael Lösch al pianoforte, Matteo Giordani alla batteria). L'orecchiabilità di melodie che fanno parte della storia del jazz ha reso immediatamente fruibile una musica che invece è fatta di sottili intrecci e delicati equilibri, contaminazioni, sincretismi, echi contemporanei. Un progetto che avevamo già incrociato qualche mese fa a Milano e che, dopo un secondo ascolto, si conferma tra le cose più interessanti emerse sulla scena italiana degli ultimi anni. Ci auguriamo trovi presto sbocco discografico.

Divertente e scanzonato nell'approccio, serissimo negli aspetti musicali, il concerto mattutino di Matthias Schriefl e Johannes Bär, svoltosi tra i meli e le vigne della tenuta Wieserhof. Utilizzando una miriade di strumenti (ottoni vari, fisarmonica, alphorn, percussioni) i due hanno dato vita ad un concerto di strabordante creatività, intenso e godibile. Composizioni originali e frammenti folkloristici più o meno immaginari, citazioni colte, divagazioni estemporanee, dolcissime melodie est-europee, esplosioni corrosive tipiche del Kabarett germanico... Schriefl e Bär non si sono fatti mancare nulla, suonando e facendo coesistere con estrema naturalezza cose, per citare le note introduttive al concerto, che nel mondo della musica sarebbero vietate. E che invece, aggiungiamo noi, se suonate con cognizione di causa come in questo caso, sono perfettamente coerenti.

Comments

Tags

Concerts

Jun 12 Wed

For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Near

More

Jazz article: David Preston Trio At Magy's Farm
Jazz article: Kurt Elling & Danilo Pérez at Jazz, TX

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.