Home » Articoli » Ilhan Ersahin: Instanbul Sessions

Album Review

Ilhan Ersahin: Instanbul Sessions

By

Sign in to view read count
Ilhan Ersahin: Instanbul Sessions
Ci sono il profumo del Bosforo e l'aria elettrica di New York, la musica della tradizione ottomana e l'underground della grande mela, le sonorità del medio oriente e i ritmi del drum'n'bass. Instanbul Session è questo e molto altro ancora perche Ilhan Ersahin ed Eric Truffaz trovano un'alchimia che funziona alla grande fondendo il background perlomeno originale di Ersahin con le magie elettroniche di Truffaz.

Nato a Stoccolma da genitori svedesi e turchi, cresciuto per lungo tempo in Turchia, trasferitosi prima a Boston e poi a New York, Ersahin è andato ampliando nel corso del tempo i propri orizzonti artistici passando dai primi ardori boppistici, alla musica da ballo e pop, dagli sperimentatori come Zorn agli specialisti dell'elettronica dolce come Truffaz. E soprattutto ideando e animando Nublu, il locale nell'East Village di New York punto di ritrovo di musicisti e gruppi alternativi quali Brazilian Girls, Wax Poetics, Forro in the Dark e la Nublu Orchestra condotta da Butch Morris.

In Instanbul Session le vicende umane e artistiche del sassofonista e compositore turco emergono prepotentemente e con il giusto grado di metabolizzazione. I suoi sassofoni possiedono un anima incendiaria e obliqua, una fiamma rovente che brucia lentamente, ma nel contempo sanno essere morbidi e avvolgenti, sinuosi e ammalianti. Il contrasto con il formidabile tappeto ritmico creato da batteria e percussioni è decisivo nel delineare l'atmosfera generale della registrazione attraversata dai lampi geniali, dai lancinanti richiami della tromba di Truffaz.

Instabul Session è ricco di umori, di odori e di colori proprio come un bazar turco, ma come filtrati da un profondo senso di serenità e di meditazione. Disco senza punti deboli, presenta due potenziali hits: l'iniziale "Freedom," melodia assassina, ritmo implacabile, e "Les Ottomans," cornice pop, arrangiamento impeccabile, traccianti sonori di Truffaz da brivido.

Track Listing

01. Freedom; 02. Bosphorus; 03. Doors to Heaven; 04. Thomas O'Malley; 05. Sam I Am; 06. Downtown Instanbul; 07. Kefal; 08. Les Ottomans; 09. The Dark Tunnel of Europe; 10. Alley Cats; 11. Our Theory. Composizioni di Ilhan Ershain tranne #5,3,7,10,6,9, insieme a Erik Truffaz, Alp Ersonmez, Izzet Kizil, Turgut Alp Bekoglu.

Personnel

Ilhan Ershain (sassofoni); Erik Truffaz ( tromba); Alp Ersonmez (basso); Izzet Kizil (percussioni); Turgut Alp Bekoglu (batteria).

Album information

Title: Instanbul Sessions | Year Released: 2010 | Record Label: BCS Records

Post a comment about this album

Tags

More

Persistence
Steve Knight
Stealin' Home: Jackie Robinson Suite
Bobby Bradford and Friends

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.