Support All About Jazz

All About Jazz needs your help and we have a deal. Pay $20 and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help
3

Eric Revis Quartet: In Memory of Things Yet Seen

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Eric Revis Quartet: In Memory of Things Yet Seen Nel corso degli anni la figura artistica di Eric Revis—giunto alla ribalta delle cronache jazzistiche per la lunga permanenza nel quartetto di Branford Marsalis, qui presente in due brani—è andata acquisendo i contorni di musicista che, pur senza la pretesa di cambiare le sorti del jazz, ne è diventato esponente di spicco, dalla consistente vena creativa e dal solido pensiero.

Testimonianza significativa di questa crescita, nel ruolo di leader come di interessante compositore, sono senza dubbio le incisioni per la portoghese Clean Feed. Dapprima il quartetto di Parallax, in equilibrio tra il modern jazz più innovativo—Jason Moran- ed il free aggiornato—Ken Vandermark -, poi il sorprendente piano trio di City of Asylum, con Andrew Cyrille e Kris Davis, infine ancora un quartetto, ma con un secondo sax a sostituire il pianoforte, per questo In Memory of Things Yet Seen.

Si diceva niente di rivoluzionario certamente, ma le undici composizioni originali—oltre a "The Shadow World" di Sun Ra e "Somethin's Cookin" di Sunny Murray, scelte più che indicative—costruite su forme e canoni ben definiti—il bop, il free, il blues principalmente—si sviluppano in maniera apparentemente lineare per aprirsi poi a paesaggi sonori variegati ma accomunati dal filo rosso della continua tensione esecutiva.

Le onde sonore provenienti dal quartetto si sintonizzano senza interferenze, in tono quasi colloquiale con l'ascoltatore, che blandiscono più che aggredire, che introducono fermamente e con rispetto nei segreti della scrittura e dell'improvvisazione. I due fiati—Bill McHenry al tenore, Darius Jones al contralto—evitano l'esibizione muscolare privilegiando incroci e unisoni tesi a valorizzare impasti timbrici singolari e ardite armonizzazioni. Al resto ci pensano la straordinaria fisicità del contrabbasso del leader e la duttilità ritmica della batteria di Chad Taylor.

Gran bel disco.


Track Listing: The Tulpa Chronicles I; Hits; Son Seal; Somethin’s Cookin’; Unknown; The Tulpa Chronicles II; Voices; A Lesson Earned; The Shadow World; Hold My Snow Cone; FreeB; The Tulpa Chronicles III; If Your Are Lonesome, Then You’re Not Alone.

Personnel: Eric Revis: contrabbasso; Chad Taylor: batteria, vibrafono; Bill McHenry: sax tenore; Darius Jones: sax alto; Brandford Marsalis: sax tenore.

Year Released: 2014 | Record Label: Clean Feed Records | Style: Modern Jazz


Shop

More Articles

Post a comment

comments powered by Disqus

All About Vince Guaraldi!

An exclusive opportunity for All About Jazz readers to participate in the celebration of a jazz legend.