Home » Articoli » Album Review » Sergio Armaroli: I Dream I Was An European

Sergio Armaroli: I Dream I Was An European

By

Sign in to view read count
Sergio Armaroli: I Dream I Was An European
Un disco a suo modo "perfetto," questo di Sergio Armaroli, che si circonda di abituali e splendidi collaboratori come Giancarlo Schiaffini e Roger Turner, vi aggiunge un monumento dell'improvvisazione come Phil Minton, e con loro esegue nove sue composizioni nelle quali l'improvvisazione la fa da padrona.

La "perfezione" sta soprattutto nelle individualità, anzi nei colori e nelle espressività che ciascuna di esse porta in dote: due percussioni timbricamente opposte e dalle invenzioni complementari, il vibrafono di Armaroli e la batteria di Turner, e due fiati altrettanto opposti e complementari, il trombone "parlante" di Schiaffini e la voce "concertante" di Minton, che qua e là mette pure mano alla tromba. Assieme, i quattro compongono una formazione ideale per dar vita a situazioni sonore libere e dialogiche, all'insegna dell'espressività e del contrasto timbrico.

Così, dopo una prima breve traccia tutta dominata dalle percussioni e che ha quasi il senso di un'introduzione, già in "Bullett -Inher" si ascolta una lenta e intima meditazione dialogata tra il trombone, che borbotta scure note basse, e la voce che ansima e singulta, andare avanti a lungo sospesa sulle cristalline note del vibrafono e i rumori di fondo prodotti da Turner, per poi impennarsi dinamicamente con drammatici vocalizzi, prima di concludersi quietamente.

I sette brani che seguono sono variopinte variazioni del medesimo tema: il fischiettare di Minton di contro al mugugnare di Schiaffini in "Wing -Pseudostylic"; il litigioso dialogo tra i due, illuminato dai lampi del vibrafono, in "Dream I Was A Laysure"; la meditazione drammatica sulle note lunghe del brano che titola l'album; il contrappunto tra i piatti di Turner e le lamine di Armaroli in "Song -Landscape"; la concitata corsa collettiva che apre "Future -Diasporation," per poi condurre il lavoro a una calma conclusione. Ciascun brano ha una propria fisionomia, un suo percorso sonoro, costellato di invenzioni espressive; ciascuno prende senso dallo sviluppo che i suoni descrivono, interagendo, e dalla scena sonora che viene dipinta dal loro scintillare.

Lavoro da ascoltare con calma, ponendo massima attenzione ai dettagli e alle raffinate forme espressive.

Track Listing

Path - Divorsion; Bullett - Inher; Shot - Fingures; Dream I Was A Laysure; Flight - Isires Sea; Song - Landscape; Wing - Pseudostylic; I Dream I Was An European; Future - Diasporation.

Personnel

Album information

Title: I Dream I Was An European | Year Released: 2023 | Record Label: Ezz-thetics


< Previous
Witness To History

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Evergreen
Justin Salisbury
Duke's Place
Mercer Hassy Orchestra
Outer, Inner, Secret
Louie Belogenis
Trachant PAP
Trachant PAP

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.