Home » Articoli » Katja Cruz, Oliver Lake: Hexaphone

2
Album Review

Katja Cruz, Oliver Lake: Hexaphone

By

Sign in to view read count
Katja Cruz, Oliver Lake: Hexaphone
Registrato dal vivo a Graz nel dicembre 2012, Hexaphone (sottotitolo The Cosmology of Improvised Music) ha svariati pregi, fra cui quello di offrire i sette ampi brani che lo compongono sia in versione audio che video. Certo, ciò potrà indurre più d'uno a tuffarsi a pesce sul DVD, anche in considerazione del fatto che la componente visiva è sostanziale, nel progetto, ma un ascolto puro, senza l'aggiunta delle immagini, consentirà per parte sua di concentrarsi unicamente sulla musica, non senza benefici.

Benché i brani, legati palesemente da un'idea complessiva forte, risultino tutti firmati da Katja Cruz (del resto vera artefice della cosa), è in effetti praticato qualcosa di molto prossimo all'improvvisazione totale, con le singole voci che spesso tendono a scindersi (anche in quanto a spazi coperti), ma proprio in quest'apparente eccentricità rispetto al totale finiscono per favorire il risultato finale, consentendo a chi ascolta di spingersi nei meandri di una musica non facile (per fortuna!) da tante prospettive—e con tante chiavi di lettura—diverse.

La presenza di Oliver Lake è ovviamente basilare. Il sassofonista dell'Arkansas, in linea con quanto appena detto, si erge più volte a protagonista, spesso dialogando unicamente con se stesso, attraverso un eloquio più accidentato, ispido del solito. Katja Cruz, in questi casi, tende a cedergli il passo di buon grado, e comunque, più in generale, la sua è una presenza tutt'altro che accentratrice o invadente: alterna segmenti in cui il suo vocalizzare determina il corso della musica, ad altri (anche ampi) in cui non la si sente affatto, in ciò lasciando di preferenza spazio—al di là di Lake—ai vari fiati di Patrick Dunst, sempre di notevole pathos timbrico-espositivo, o ai giochi elettronici di Patrick Lechner.

In definitiva un lavoro avvincente e pieno, che però non toglie mai il fiato. Qualche episodica risacca ispirativa non ne penalizza la riuscita. Dal buono in su la prova di tutti.

Track Listing

Hexahedron – Earth; Oktahedron – Air; Icosahedron – Water; Dodecahedron – Ether, the Universe; Hexagon; Hexagram; The Flower of Life (tutti i titoli sia su CD che su DVD).

Personnel

Katja Cruz: voce; Oliver Lake: sax alto; Patrick Dunst: sax alto, clarinetto basso, flauto alto, duduk; Andrea Massaria: chitarra; Howard Curtis: batteria; Patrick Lechner: elettronica, immagini.

Album information

Title: Hexaphone | Year Released: 2014 | Record Label: Rudi Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

The Sound Of Listening
Mark Guiliana Jazz Quartet
At The Royal Albert Hall
Creedence Clearwater Revival
Two Centuries
Qasim Naqvi / Wadada Leo Smith / Andrew Cyrille

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.