1

Iiro Rantala & Ulf Wakenius: Good Stuff

Neri Pollastri BY

Sign in to view read count
Iiro Rantala & Ulf Wakenius: Good Stuff
Il pianista finlandese Iiro Rantala e il chitarrista tedesco Ulf Wakenius sono due tra i più straordinari musicisti europei e tuttavia —forse a causa del loro stile estroso ma relativamente convenzionale —anche tra i più sottovalutati. Alfieri della eccellente etichetta ACT, proprio grazie a quest'ultima hanno avuto modo di collaborare, per un concerto a più voci dedicato a Esbjorn Svensson, tenutosi a Berlino nel 2015, scoprendo grandi affinità e dando vita a un duo che da allora gira l'Europa (ma assai poco l'Italia) e che adesso presenta questo "distillato" registrato.

Come ben si evince scorrendo la scaletta, l'eclettico programma è tipico delle performance virtuosistiche, infilando l'una dietro l'altra perle provenienti da contesti diversi: dal mondo della lirica con Puccini e Bizet, dal jazz con "Giant Step" di John Coltrane, dal popular più raffinato con ""What a Wonderful World" di Armstrong e "Sir Duke" di Stevie Wonder, dal funk con il doppio brano conclusivo degli Stuff, ai quali è ispirato il titolo dell'album. Accanto a questi, una metà di brani originali, tre per ciascuno, tutti dedicati a città e che ancor più esaltano le qualità dei musicisti e la loro splendida intesa.

Ne siano esempio "Seoul," di Rantala, che intreccia temi diversi e li cesella con un mirabile lavoro di entrambi i protagonisti alle rispettive tastiere, e l'iniziale "Vienna," di Wakenius, che sembra una moderna riproposizione della vivacità creativa di Mozart, trascinando ritmicamente l'ascoltatore dentro la musica fino a spingerlo a ballare. Degno di nota è anche "Berlin," ancora di Wakenius, nel quale i due sperimentano un contrasto di suoni -basso il piano, più alta la chitarra -che produce un'atmosfera estremamente singolare.

Ma il lavoro è tutto di altissimo livello, grazie alla maestria dei due musicisti e agli splendidi suoni che sanno cavare dai loro strumenti. Tanto che persino i brani più a rischio —"Nessun Dorma" o il citato "What a Wonderful World" —non scadono nel melenso bensì assumono una veste atipica, sostenuta dalla gioia di suonare che sprizza dai protagonisti.

In conclusione, Good Stuff si rivela disco gustosissimo, magari non un capolavoro, ma certo un album ben sopra la media di quel che si è soliti ascoltare, sia nel modern jazz, sia tra le proposte più ardite. Consigliatissimo.

CD della settimana.

Track Listing

Vienna; Carmen: Micaela & Don José; Helsinki; Palma; Seoul; Nessun dorma; Sir Duke; Berlin; What a Wonderful World; Rome; Giant Steps; Love the Stuff/Ain’t No Mountain High Enough.

Personnel

Iiro Rantala: piano; Ulf Wakenius: guitar.

Album information

Title: Good Stuff | Year Released: 2017 | Record Label: ACT Music

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Tri-Cycle
Alex Jenkins Trio
Chartreuse
Gaetano Letizia
Within Us
Chuck Owen
Close to Home
Ari Erev
Up & Down, Sideways
Jon Raskin Quartet
Small Wonders
Zacc Harris Group
Descarga for Bud
Alex Conde
The Dealer
Chico Hamilton

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
En Attendant
Marcin Wasilewski Trio
Station Three
Quartet Diminished
The Garden
Rachel Eckroth

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.