All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Brad Mehldau: Finding Gabriel

Emmanuel Di Tommaso By

Sign in to view read count
Brad Mehldau: Finding Gabriel
Se un'artista del calibro di Brad Mehldau riesce ancora a stupire dopo aver destrutturato in tutti i modi possibili la musica contemporanea, il motivo può essere solo un'opera d'arte complessa e stratificata, che non a caso trae le sue basi concettuali da una rilettura in chiave post-moderna delle profezie dell'Antico Testamento nel tentativo di offrire una chiave di lettura dell'attuale epoca caratterizzata da iperconnettività virtuali e solitudini reali.

Finding Gabriel è tutto questo e molto altro: è una commistione fra i sotto-generi più all'avanguardia del rock e del jazz quali l'avant, il post-prog, l'ambient e il kraut; è una successione di dieci tracce dagli arrangiamenti barocchi e dalle orchestrazioni elettro-acustiche continuamente sospese fra atmosfere naturalistiche ("Striving Wind" e "O Ephraim") e suburbane dal taglio sognante ("Deep Water"), in cui Mehldau, accompagnato da una folta schiera di fidati polistrumentisti, suona il piano, i sintetizzatori, le percussioni, il Fender Rhodes, fino ad arrivare addirittura a dare spettralmente voce (o meglio: "vocalizzazione") al flusso sonoro.

La bellezza del disco dipende innanzitutto dall'elemento tecnico dell'utilizzo di strumenti particolari come il sintetizzatore analogico polifonico OB-6, lo xilofono, gli organi e il Fender Rhodes, nonché di campionature e loop di elementi sonori prelevati dal reale come la frase "Build That Wall," pronunciata da Trump e inneggiata dalla folla durante un comizio ad Anaheim nella campagna elettorale del 2016, che sul disco fa da sottofondo al collasso sonoro di beat techno e di jazz cosmico in pieno stile The Comet Is Coming di "The Prophet Is a Fool." L'uso di tale strumentazione permette di dare una quarta dimensione alle sonorità e di generare combinazioni stranianti con i suoni più "classici" del pianoforte acustico, dei fiati, dei violini e delle vociferazioni (si ascolti soprattutto a riguardo la progressione di "Make It All Go Away").

I riferimenti di Mehldau non sono cambiati ma è inedito il modo in cui vengono sovrapposti e messi in dialogo fra loro: la mente poliedrica del pianista newyorkese partorisce un mondo surreale in cui gli scenari urbano-digitali e distopici dei Radiohead ("St. Mark Is Howling in the City of Night" e "Proverb of Ashes") approdano su spiagge roventi dipinte dai fiati à la Bitches Brew di Miles Davis ("The Garden") o nel mare scintillante d'ombre delle "Islands" dei King Crimson ("Born to Trouble"). Illuminato da una capacità creativa cerebrale e al tempo stesso evocativa, con Finding Gabriel Brad Mehldau ridefinisce i confini del post-bop jazz, dimostrando che il miglior modo per oltrepassare la tradizione è non interromperla.

Album della settimana.

Track Listing

The Garden; Born to Trouble; Striving After Wind; O Ephraim; St. Mark Is Howling in the City of Night; The Prophet Is a Fool; Make It All Go Away; Deep Water; Proverb of Ashes; Finding Gabriel.

Personnel

Brad Mehldau: OB-6 Polyphonic synthesizer, Therevox, Moog Little Phatty synthesizer, Steinway C grand piano, voices, Yamaha upright piano, drums, Fender Rhodes, Musser Ampli-Celeste, Morfbeats gamelan strips, xylophone, ending voices, Yamaha CS-60 synth, Mellotron, Hammond B-3 organ, shaker, handclaps; Becca Stevens: voice; Gabriel Kahane: voice; Ambrose Akinmusire: trumpet; Michael Thomas: flute, alto sax; Charles Pillow: soprano sax, alto sax, bass clarinet, baritone sax; Joel Frahm: tenor sax; Chris Cheek: tenor sax, baritone sax; Mark Guiliana: drums, electronic drums; Sara Caswell: violin; Lois Martin: viola; Noah Hoffeld: cello; Kurt Elling: voice (7, 9), middle solo; "Snorts" Malibu: opening voice; Aaron Nevezie: Korg Kaoss Pad.

Album information

Title: Finding Gabriel | Year Released: 2019 | Record Label: Nonesuch Records

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Read Giulia
Giulia
Francesco Cataldo
Read Rhythm Abstraction: Ruby
Rhythm Abstraction: Ruby
Frank Macchia / Brock Avery
Read Hypnosis
Hypnosis
Pauli Lyytinen Magnetia Orkesteri
Read Night Devoid of Stars
Night Devoid of Stars
Daniel Hersog Jazz Orchestra

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.