Home » Articoli » Szilard Mezei Flute & Strings Trio: Fehér Virág

Album Review

Szilard Mezei Flute & Strings Trio: Fehér Virág

By

Sign in to view read count
Szilard Mezei Flute & Strings Trio: Fehér Virág
Varcata la soglia dei quarant'anni, il violista serbo-ungherese Szilard Mezei continua a rimanere un pur illustre outsider, proseguendo congiuntamente a sfornare album di un rigore e uno spessore che lasciano immancabilmente ammirati. Quest'ultimo suo lavoro, più che mai cameristico (tratto-cardine della sua musica, in perenne equilibrio fra ricerca improvvisativa di marca più o meno scopertamente jazzistica e sperimentalismo contemporaneo-colto), lo vede dialogare con due sole partner (più un terzo limitatamente al brano centrale) lungo tre ampie pagine a sua firma, peraltro incise nel lontano 2005.

Al di là dei legittimi interrogativi che può sollevare un'attesa tanto ampia per materiale così importante, nell'economia artistica di un musicista che nel frattempo non ci ha fatto certo mancare svariate testimonianze del suo talento, diciamo subito che mai recupero, seppur tardivo, fu più opportuno. Vi si soppesa una volta di più la straordinaria capacità di Mezei di raccontare una propria storia in maniera sottilmente articolata, fra scarti nervosi, spigolosi, quanto immancabilmente attraversati da un invidiabile aplomb di fondo, e lunghe oasi di calma solo apparentemente olimpica, invece sempre feconda, attraversata, in questo caso, da continui fremiti intestini, mai piatta o soporifera.

Qua e là vengono in mente più o meno antichi esperimenti braxtoniani (senza dimenticare certe pionieristiche intuizioni dolphyane: in entrambi i casi ci gioca certamente la presenza di un flauto), con lo svolgersi della materia musicale che dà di tanto in tanto l'impressione come di mordersi la coda, in realtà solo per aprire il campo a un nuovo volta pagina, a una nuova virata.

Tutto sempre con estremo pudore e misura, come si sarà capito. Album, ancora una volta, esemplare, assolutamente consigliato.

Track Listing

Vadludak I-II / Wild Geese I-II (Hommage á John Cassavetes); Árnyjáték / Shadow Show (Hommage á John Carter); Fehér virág / White Flower.

Personnel

Szilárd Mezei: viola, kaval (flauto turco); Svetlana Novakoviæ: flauto; Maja Radovanlija: chitarra acustica; István Csík: batteria e percussioni.

Album information

Title: Fehér Virág | Year Released: 2016 | Record Label: Slam Productions


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Discover
Eric Jacobson
Andromeda's Mystery
Doruzka/Wylezol/Ballard
Pictures in Time
Alex Sjobeck
Universos
Yotam Silberstein

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.