All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Fabia Mantwill: Em.Perience

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Fabia Mantwill: Em.Perience
«Non mi interessa in quale stile o genere possa essere classificata questa musica—dice Fabia Mantwill—che sia jazz, classica, folk, canzone d'autore, soul. Penso che i confini stiano diventando sempre più sfocati». Il debutto discografico della giovane bandleader, sassofonista e cantante tedesca contiene elementi di tutti quei generi musicali e non ha alcun senso cercare etichette.

È comunque certo che la 28enne artista di Berlino è un talento tanto versatile quanto singolarmente precoce per questi anni: ha fondato la sua orchestra a 24 anni, poco dopo essersi laureata al Jazz Institute di Berlino, alla Sibelius Academy di Helsinki ed aver conseguito un master all'Università di Musica e Teatro di Amburgo. Ha iniziato a suonare vari strumenti dall'infanzia per passare stabilmente al sax tenore nell'adolescenza. Dal suo già lungo curriculum di riconoscimenti citiamo la selezione all'International Workshop del Banff Centre Canada curato da Vijay Iyer e Tyshawn Sorey e la collaborazione del 2018 con la Metropole Orkest di Vince Mendoza per cui ha scritto un arrangiamento. In parallelo alla sua attività di composizione e orchestrazione guida un quintetto internazionale con il bassista Greg Cohen.

La cosa più evidente in questo disco è la padronanza di scrittura della bandleader, che s'esprime con uno stile fresco ed elegante, in cui le forme del jazz (nel collettivo e negli assoli) si distendono in sobri fondali (generalmente archi e ottoni) dal gusto classico oppure si confrontano con etnicità latine o africane, ritmicamente esuberanti e ricche di colore. I brani sono pregni di accadimenti interni e svolte che richiamano anche elementi noti.

"Erwachen" è l'unico brano in cui Fabia Mantwill è protagonista al sax tenore: sviluppa una delicata composizione con un timbro ovattato d'impronta "cool" su eleganti fondali orchestrali. Gli otto temi successivi sono pagine variopinte con momenti jazzisticamente avvincenti anche grazie agli interventi degli ospiti: il chitarrista Kurt Rosenwinkel, il trombonista Nils Landgren, il sassofonista Ben Wendel e il percussionista Marcio Doctor.

Tra i suoi modelli Fabia cita anche Maria Schneider e Vince Mendoza ma nell'etnico e orientaleggiante "Festival at High Noon" la bandleader innesta un sorprendente riferimento al Gil Evans elettrico, con Ben Wendel che ricorda la tensione dell'indimenticabile assolo di Billy Harper in "There Comes a Time." Altra inventiva orchestrazione è "Pjujeck" che si snoda tra un danzante inizio latin, un esuberante assolo di Nils Landgren su ritmo funk e un intervento sperimentale di Rosenwinkel. Sul versante vocale la leader dà ottimi esempi nella colloquiale leggerezza di "Ophelia," entro un'impressionistica orchestrazione, e nel variopinto "Sasa Ndio Sasa" sostenuta un coro di bambini della Tanzania.

Bel debutto dunque per un talento da seguire.

Track Listing

Ophelia; Pjujeck; Sasa Ndio Sasa Opening; Sasa Ndio Sasa; Erwachen; Kumbkumbu; Trio.logy; Melodie de la riviere; Festival at High Noon.

Personnel

Fabia Mantwill Orchestra: band/orchestra; Fabia Mantwill: composer/conductor; Kurt Rosenwinkel: guitar; Nils Landgren: trombone; Ben Wendel: saxophone; Marcio Doctor: percussion; Tilmann Dehnhard: flute; Phillip Dornbusch: saxophone; Daniel Busch: saxophone; Felix Meyer: trumpet; Konstantin Döben: trumpet; Jan Landowski: trombone; David Bernds: tuba; Milena Hoge: harp; Hauke Renken: vibraphone; Charis Karantzas: guitar; Thomas Kolarczyk: bass; Marc Michel: drums; Igor Spallati: bass, acoustic; Tabea Schrenk : cello.

Additional Instrumentation

Fabia Mantwill: saxophone (tenor), voice; Tilmann Dehnhard: saxophone; Phillip Dornbusch: flute, clarinet; Daniel Busch: bass clarinet; Felix Meyer: flugelhorn; Konstantin Döben: trumpet, flugelhorn; David Bernds: bass trombone; Hauke Renken: marimba; Marc Michel: drums; Anne-Sophie Bereuter: violin; Annabelle Dugast: violin; Julia Czerniawska: violin; Aaron Müller violin; Christina Döring: violin; Jonathan Emilian Heck: violin; Maria Reich: viola; Johann-Vincent Slawinski: viola; Yağmur Atagür: viola; Liron Yariv: cello.

Album information

Title: Em.Perience | Year Released: 2021 | Record Label: XJAZZ Music

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Wonderful World
Chris Standring
Hope
Tomas Liska & Invisible World
Zero Grasses: Ritual for The Losses
Jen Shyu and Jade Tongue
Aufbruch
J. Peter Schwalm & Markus Reuter
Purvs
Liudas Mockūnas / Arvydas Kazlauskas

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.