Home » Articoli » Album Review » Andrea Motis: Emotional Dance

1

Andrea Motis: Emotional Dance

By

Sign in to view read count
Andrea Motis: Emotional Dance
Emotional Dance è l'esordio da solista di Andrea Motis, catalana poco più che ventenne, cresciuta con il mito di Billie Holiday e dotata di una voce solare e coinvolgente, sulla quale costruisce un album caleidoscopico, che si muove fra le sue composizioni originali, il jazz classico della stessa Holiday e Cole Porter, i ritmi latinoamericani di Jobim, e il blues di Horace Silver.

Ne risulta un mix gradevole, abbastanza coinvolgente, e dall'approccio soft tra momenti malinconici ed altri più gioiosi e passionali, una vera e propria "danza emozionale," come suggerisce il titolo, una danza dell'anima prima che del corpo, fra gli alti e bassi dell'esperienza sentimentale.

Un album intimo, anche se non autobiografico, che ha come protagonista Andrea Motis e la sua voce calda e sensuale, appena sfiorata da un tono nasale, mentre la band, pur numerosa e distribuita tra fiati, chitarra, pianoforte, strumenti latinoamericani, resta discretamente in disparte, limitandosi all'accompagnamento, senza particolari spunti creativi. Ci si muove infatti su un bebop cadenzato, alternato a più audaci ritmi latineggianti; la sezione fiati, che vede la stessa Motis alla tromba, si dimostra relativamente dinamica rispetto ai colleghi, con fraseggi abbastanza prolungati, leggeri come svolazzi di rondini, che però non riescono a coinvolgere emotivamente l'ascoltatore. Un album privo di particolari virtuosismi tecnici o atmosfere sofisticate, dove il jazz sfuma più volte nella bossa, e comunque mai emerge al di sopra della voce della Motis.

Si tratta comunque di un prodotto di buona qualità -che riprende la tradizione dei crooner americani fra gli anni Quaranta e Cinquanta, star delle radio e dei locali di New York, Chicago, Los Angeles -, sicuramente rivolto ai neofiti del jazz, per avvicinarli al genere senza porli da subito davanti alle sue complessità sonore e d'atmosfera; un jazz semplificato, ma dal quale può essere utile partire per raggiungere Cole Porter, Chet Baker e poi magari Avishai Cohen, per citare solo alcuni dei "mostri sacri."

Track Listing

He's Funny that Way; I Did't Tell Them Why; Matilda; Chega de Saudade; If You Give Them More Than You Can; Never Will I Marry; Emotional Dance; You'd Be So Nice to Come Home to; La Gavina; Baby Girl; Save the Orangutan; I Remember You; Senor Blues; Louisiana O Els Camps de Coto.

Personnel

Andrea Motis
trumpet

Andrea Motis: vocals, trumpet; Joan Chamorro: double bass, tenor sax, flute, vocals; Ignasi Terraza: piano; Josep Traver: guitar, electric guitar, vocals; Esteve Pi: drums; Scott Robinson: baritone sax; Joel Frahm: tenor sax; Perico Sambeat: soprano sax, alto sax; Gil Goldstein: accordion; Warren Wolf: marimba, vibes; Cafe da Silva: percussion.

Album information

Title: Emotional Dance | Year Released: 2017 | Record Label: Impulse!


< Previous
Entremundos

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Journey to Where
Trish Clowes & Ross Stanley
Torque
Tourismo
Influences
Jared Hall

Popular

For Real!
Hampton Hawes
My Prophet
Oded Tzur
Nimble Digits
Geoff Stradling
Time Again
Koppel, Blade, Koppel

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.