All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

John Carter: Echoes from Rudolph's

BY

Sign in to view read count
John Carter: Echoes from Rudolph's
Oggetto del desiderio di collezionisti e appassionati, documento centrale nell'evoluzione del disegno espressivo di John Carter, Echoes from Rudolph's, trova finalmente una sua diffusione in CD grazie alla NoBusiness.

Alle tracce del vinile originale, realizzato in un numero limitato di copie su etichetta Ibedon nel 1976, si aggiunge qui un secondo disco registrato alla radio qualche mese dopo che si muove in parte sulle stesse composizioni e con la medesima formazione, un trio completato dal figlio di John, Stanley, al contrabbasso e dal batterista William Jeffrey.

Centrale, dicevamo, questo documento, soprattutto rispetto a un ideale asse cronologico che divide in due la carriera del musicista texano. Tra una prima fase (quella del New Art Jazz Ensemble e del primo sodalizio con Bobby Bradford) che va dalla fine degli anni Sessanta e il 1972 (anno di pubblicazione di Secrets) e la fase matura del magistrale affresco dei dischi di Roots and Folklore a partire degli anni Ottanta, c'è infatti uno iato di cui queste registrazioni losangeline costituiscono una testimonianza preziosa.

Non solo infatti Carter sta in quegli anni progressivamente abbandonando il suo multistrumentismo per concentrarsi solo sul clarinetto (strumento complessivamente non troppo frequentato dai musicisti d'avanguardia del periodo), ma ha anche modo di lavorare costantemente con questo trio, in appuntamenti domenicali al Rudolph's Fine Arts Center del titolo.

Liberando lo strumento verso potenzialità soniche che erano state sperimentate principalmente sui sassofoni (e non a caso in questa fase Carter continua a utilizzare anche il soprano), sottraendolo alla calligrafia della pronuncia per restituirlo alla ancestralità dell'urlo ligneo, alla velocità che è urgenza e fuga e non sfoggio, che è segno abrasivo.

Ben supportato dal trio, Carter esplora gli angoli più vari della propria tavolozza espressiva, costruendo così, oltre che un discorso improvvisativo sempre pregnante, anche le basi per le meravigliose prove a venire.

Track Listing

CD 1:
Echoes from Rudolph’s; To a Fallen Poppy; Angles; Amin; The Last Sunday.
CD 2:
Echoes from Rudolph’s/To a Fallen Poppy; Unidentified Title 1/Unidentified Title 2/Unidentified Title 3; Unidentified Title 4; Amin.

Personnel

John Carter: clarinetto, sax soprano; Stanley Carter: contrabbasso; William Jeffrey: batteria, percussioni; Chris Carter: piatti; Melba Joyce; voce.

Album information

Title: Echoes from Rudolph's | Year Released: 2015 | Record Label: NoBusiness Records

Post a comment about this album

Tags

View events near Los Angeles
Jazz Near Los Angeles
Events Guide | Venue Guide | Local Businesses | More...

Shop Amazon

More

Dedications
The Larry Douglas Alltet
Soul In Plain Sight
Angelika Niescier & Alexander Hawkins
What You Seek Is Seeking You
Nick Mazzarella / Ingebrigt Håker Flaten /...
All In
The Shuffle Demons
The 1959 Sessions
Stan Tracey Trio
Live 2020-2021
Bévort 3

Popular

12 Stars
Melissa Aldana
The 7th Hand
Immanuel Wilkins
2 Blues For Cecil
Andrew Cyrille, William Parker & Enrico Rava

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.