Make a difference: Support jazz online

Support All About Jazz Your friends at All About Jazz are looking for readers to help back our website upgrade project. Of critical importance, this project will result in a vastly improved design across all devices and will make future All About Jazz projects much easier to implement. Click here to learn more about this project including donation rewards.

0

Jane Ira Bloom: Early Americans

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Inciso a metà luglio del 2015, questo è con tutta probabilità il miglior album di Jane Ira Bloom che ci sia passato per le mani. Le grandi curiosità iniziali, attorno a questa esile donna che oltre trent'anni fa faceva parlare di sé accanto ai maestri dello strumento che si stava imponendo come una sorta di cornucopia (non l'unica, per carità) del nuovo jazz, si sono via via assestate, e lei nel frattempo è diventata una signora di mezza età che prosegue diritta (come il suo sassofono, già) per la propria strada.

In questo suo ultimo lavoro sceglie anzitutto una formula molto feconda per chi imbraccia il soprano (vedi svariati trii di Lacy e Liebman, solo per citare i primi due casi che ci vengono in mente) e per farlo si circonda di due senatori dei rispettivi strumenti (contrabbasso e batteria, ovviamente) quali Mark Helias e Bobby Previte. Diciamo quindi che i presupposti per un disco degno di particolare attenzione già ci sono in partenza.

Il resto lo fanno le tredici composizioni con cui l'oggi sessantunenne sopranista bostoniana confeziona il suo album. Sono tutte farina del suo sacco, tranne l'ultima, di Leonard Bernstein, e ci consegnano l'immagine di un trio assolutamente empatico, libero il giusto e con un invidiabile respiro interno. Vi si avverte un senso di solidità, di praticità, anche se i pezzi più rilasciati, docili, pensosi, non mancano. Pochi fronzoli, in altre parole, con un suono di gruppo molto chiaro, netto, e ruoli ben definiti, giocando molto sull'asse soprano/contrabbasso con la batteria in posizione intermedia ed equidistante.

Un gran bel sentire, insomma.

Track Listing: Song Patrol; Dangerous Times; Nearly (For Kenny Wheeler); Hips & Sticks; Singing the Triangle; Other Eyes; Rhyme or Rhythm; Mind Gray River; Cornets of Paradise; Say More; Gateway to Progress; Big Bill; Somewhere.

Personnel: Jane Ira Bloom: soprano saxophone; Mark Helias: bass; Bobby Previte: drums.

Title: Early Americans | Year Released: 2016 | Record Label: Outline

Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Lux CD/LP/Track Review Lux
by Karl Ackermann
Published: January 20, 2018
Read Unleashed CD/LP/Track Review Unleashed
by John Sharpe
Published: January 20, 2018
Read I Think I'm Going To Eat Dessert CD/LP/Track Review I Think I'm Going To Eat Dessert
by Jerome Wilson
Published: January 20, 2018
Read 20 CD/LP/Track Review 20
by Ian Patterson
Published: January 20, 2018
Read Roppongi CD/LP/Track Review Roppongi
by Mark Sullivan
Published: January 19, 2018
Read Is Life Long? CD/LP/Track Review Is Life Long?
by Mark Corroto
Published: January 19, 2018
Read "Trail Magic" CD/LP/Track Review Trail Magic
by Geno Thackara
Published: June 19, 2017
Read "Pandora's Bag" CD/LP/Track Review Pandora's Bag
by Geannine Reid
Published: July 25, 2017
Read "Alom Mola" CD/LP/Track Review Alom Mola
by John Eyles
Published: May 10, 2017
Read "Life Of Sensitive Creatures" CD/LP/Track Review Life Of Sensitive Creatures
by Roger Farbey
Published: December 4, 2017
Read "Involution" CD/LP/Track Review Involution
by Geno Thackara
Published: January 6, 2018
Read "Official Bootleg: Live in Chicago, June 28th, 2017" CD/LP/Track Review Official Bootleg: Live in Chicago, June 28th, 2017
by John Kelman
Published: October 12, 2017