All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Massimo De Mattia, Giorgio Pacorig, Giovanni Maier, Stefano Giust: Desidero vedere, sento

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Dopo il recente ed entusiasmante trio con Michele Rabbia, Floating Lines, Giorgio Pacorig e Giovanni Maier tornano a collaborare, stavolta in un quartetto completato dal batterista Stefano Giust e dal flautista Massimo De Mattia, due loro vecchie conoscenze. La registrazione è stata effettuata nell'ottobre 2016 al Teatro San Leonardo di Bologna, sotto gli auspici di Angelica, e documenta un concerto interamente improvvisato.

Il curioso titolo Desidero vedere, sento, così come i non meno singolari titoli delle cinque tracce, nascono a partire da un gioco, la combinazione casuale di parole tratte da Beckett, che in certa misura rendono conto dell'alea che caratterizza la musica. Siamo infatti di fronte a un classico esempio di improvvisazione, nel quale le invenzioni dei singoli si legano grazie all'ascolto e alle risposte istantanee che la loro notevole intesa favorisce.

E i singoli non sono avari né di invenzioni, né di brillantissime sonorità: fin dall'incipit nervose e frammentate quelle di Di Mattia, che raggiunge poi in più occasioni incredibili vette di intensità dinamica (per esempio in "Addio (dire il vero)"); astratte e cristalline quelle di Pacorig al pianoforte, sovente distorto e suonato sulle corde, ma spesso anche estremamente lirico ed evocativo (per esempio in "Lì per lì, le stesse," dove peraltro il tastierista interviene in modo spiazzante anche alla melodica); potentemente scure e propulsive quelle di Maier, che oscilla costantemente tra spinta ritmica e narrazione lirica, sia al pizzicato, sia all'archetto (per esempio nella seconda metà di "Addio (dire il vero)"); coloristiche quelle di Giust, voce paritetica ancor prima che elemento ritmico.

Ed è l'inseguirsi di queste voci, l'intrecciarsi dei suoni, il loro liberissimo accelerare e decelerare, impennarsi e placarsi, a comporre il tessuto di una musica tutta da seguire, interiorizzare e meditare. Una musica che sorprende a ogni ascolto e che, come sempre le "improvvisazioni riuscite," rischia di far apparire "noiosi" tutti gli altri ascolti.

Track Listing: Esteso, abituato; Lì per lì, le stesse; Addio (dire il vero); Non posso conservare; Bugiardo, diceva.

Personnel: Massimo De Mattia: flutes; Giorgio Pacorig: piano, melodica; Giovanni Maier: bass; Stefano Giust: drums, percussions.

Title: Desidero vedere, sento | Year Released: 2018 | Record Label: Setola di Maiale

About Massimo De Mattia
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Tenging
Tenging
By Friedrich Kunzmann
Read The Best Part
The Best Part
By C. Michael Bailey
Read Nothing But Time
Nothing But Time
By Karl Ackermann
Read Philosophy
Philosophy
By Mark Corroto