Home » Articoli » Kahil El’Zabar’s Ritual Trio: Big M: A Tribute to Malachi Favors...

1
Album Review

Kahil El’Zabar’s Ritual Trio: Big M: A Tribute to Malachi Favors

By

Sign in to view read count
Kahil El’Zabar’s Ritual Trio: Big M: A Tribute to Malachi Favors
Kahil El’Zabar è un batterista di Chicago da moltissimi anni attivo nella città del vento, spesso sulle orme dell’Art Ensemble of Chicago e comunque sotto l’egida dell’AACM, l’associazione benemerita che tanto ha fatto negli ultimi decenni per promuovere la cultura afro-americana in quella città e conseguentemente in giro per il mondo.

Con due membri dell’Art Ensemble of Chicago Kahil El’Zabar aveva costituito il Ritual Trio sin dal lontano 1986. Erano con lui in quell’occasione Lester Bowie (che passò la mano l’anno successivo) e Malachi Favors, il mitico bassista che rimase invece al fianco di El’Zabar per molti anni, rinforzando enormemente il legame anche personale che già esisteva fra i due dalla fine degli anni sessanta, quando un giovanissimo Kahil El’Zabar venne invitato a suonare con l’Art Ensemble of Chicago in alcuni concerti dal vivo, su segnalazione di Muhal Richard Abrams.

Malachi Favors è passato a miglior vita a fine gennaio del 2004 e nel dicembre dello stesso anno l’amico/discepolo Kahil El’Zabar ha convocato il bassista Yosef Ben Israel e il saxofonista/pianista Ari Brown, abituali compagni di avventura nella ultima incarnazione del Ritual Trio, estendendo l’invito anche al violinista Billy Bang che in passato era stato membro del gruppo. I quattro si sono ritrovati al River East Center e hanno colto l’occasione per registrare il materiale che è servito per il DVD Live at the River East Center. Due giorni dopo si sono ritrovati tutti quattro in studio di registrazione e senza porre altri indugi si sono lasciati andare in questi sette lunghi brani carichi di emozione che vogliono essere un tributo appassionato all'arte del grande bassista scomparso.

La musica non è eccessivamente strutturata e spesso le composizioni partono da semplici giri di basso che servono per evocare linee melodiche dal sapore un po' acerbo che profumano però di grande passione. Spesso il leader si sposta alla kalimba e il clima si fa molto africano, con il sax di Ari Brown pronto ad assumere il ruolo di predicatore e il violino zigzagante di Billy Bang in grado di dargli il cambio all’occorrenza. Il basso di Ben Israel è corposo e autorevole, una vera spina dorsale attorno alla quale questa musica dal grande potere evocativo sa scorrere come un placido fiume delle grandi pianure. Emergono frammenti compositivi cantilenanti che ci riportano alle origini, ai racconti condivisi attorno al fuoco, al passaggio delle consegne fra le vecchie e le giovani generazioni. Il tutto è perfettamente congeniale per raccontare le emozioni, gli affetti, i legami, la vita.

Track Listing

01. Crumb-Puck-U-Lent (Kahil El'Zabar); 02. Oof (Kahil El'Zabar); 03. Freedom Flexibility (Billy Bang); 04. Big M (Kahil El'Zabar); 05. Kau (Kahil El'Zabar); 06. Maghoustut (Kahil El'Zabar); 07. Malachi (Kahil El'Zabar)

Personnel

Kahil El'Zabar (batteria, kalimba, flauto, voce); Yosef Ben Israel (basso); Ari Brown (sax tenore, pianoforte); Billy Bang (violino)

Album information

Title: Big M: A Tribute to Malachi Favors | Year Released: 2007 | Record Label: Delmark Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Short Stories
Gareth Williams
Bagman Live At Cafe Oto
Sture Ericson / Pat Thomas / Raymond Strid
Camaraderie
BrandonLee Cierley
New Oxford Brevity
Dominic Lash / Pat Thomas

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.