Franco Cerri: Barber Shop 2

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
Franco Cerri: Barber Shop 2
Franco Cerri è uno dei pochi jazzisti italiani che mette tutti d'accordo, critica e pubblico: un magnifico artista e un uomo d'innata simpatia, che ha divulgato il jazz in Italia quando non esistevano i festival estivi e questa musica era un fenomeno marginale.
I novant'anni d'età e i settanta di carriera artistica sono stati festeggiati a fine gennaio al Teatro Dal Verme di Milano, in un concerto di grande successo che annunciava quest'incisione, secondo capitolo del disco Barber Shop (Abeat, 2014)

Il sottotitolo del CD è celebrativo ("Novant'anni suonati!") ma la sua musica non ha nulla di celebrativo e documenta gli sviluppi espressivi di un artista in pieno percorso creativo. Non è il solito lavoro di una vecchia gloria supportato da compiacenti partner ma un fresco e scintillante percorso, condiviso con musicisti di classe come Dado Moroni, Riccardo Fioravanti e Stefano Bagnoli.
Cerri si esprime con timbri morbidi e pastosi, in una raffinata ricerca d'essenzialità che negli anni s'è fatta marcata. I suoi interventi -quando delinea i temi o quando va in assolo -svelano un equilibrio melodico e una grazia che solo i grandi interpreti offrono. È quindi un enorme piacere ascoltarlo suonare con quel signorile relax, che è poi la traduzione in musica del suo carattere personale.
Franco Cerri conserva un amore particolare per Duke Ellington e in questo disco troviamo belle versioni di "Take the "A" Train," "Satin Doll" e "I Let a Song Go Out of My Heart," una serie di classici standard e un paio di suoi originals. Nell'equilibrio espressivo che caratterizza il disco nel suo insieme ogni brano ha un suo sviluppo, con i vari strumenti che ne caratterizzano di volta in volta il percorso. La chitarra è ovviamente protagonista ma in equilibrio con i partner: accade anche che un brano (tra l'altro di Cerri, "Isinesi") sia eseguito in piano trio.

Le nostre preferenze? Difficile a dirsi. Spiccano il variopinto "Take the "A" Train," il funkeggiante "Pipo" e la ricercata versione di "Roma nun fa' la stupida stasera," con Moroni protagonista e Cerri che si limita a esporre la melodia base. Ma la palma spetta al contrasto tra la chitarra cool e il pianoforte vivace e traditional, in "There Will Never Be Another You." Mirabile.

Track Listing

Take the "A" Train; Bluesette; Satin Doll; By Bye Blues; Roma nun fa' la stupida stasera; Cherokee; Pipo; I Let a Song Go Out of My Heart; Copacabana; Isinesi; There Will Never Be Another You.

Personnel

Franco Cerri: chitarra; Dado Moroni: pianoforte; Riccardo Fioravanti: contrabbasso; Stefano Bagnoli: batteria.

Album information

Title: Barber Shop 2 | Year Released: 2016 | Record Label: Abeat Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Code of Being
James Brandon Lewis Quartet
Beyond Here
Beth McKenna
Twelve Bass Tunes
Hernâni Faustino
Codebreaker
Matthew Shipp
Monsters' Impromptu
Lee Heerspink
A Song of Hope
Eric Wyatt

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.