All About Jazz

Recensioni

Year in Review

1

Il Meglio del 2018 Secondo Neri Pollastri

Read "Il Meglio del 2018 Secondo Neri Pollastri" reviewed by Neri Pollastri


Anche quest'anno, faticosamente e responsabilmente, ho selezionato tra i miei numerosi ascolti dodici dischi e dieci concerti che potessero essere considerati se non “i migliori," quantomeno “tra i migliori." La selezione è fatalmente influenzata non solo dalle mie predilezioni (non si può ascoltar tutto e fatalmente ci si concentra su ciò che per qualche ragione ci incuriosisce di più), ma anche da aspetti contingenti, quali il fatto che vivendo in Italia ho più occasioni di ascoltare musicisti che vivono qui ...

Il Meglio Del 2018 Secondo Giuseppe Segala

Read "Il Meglio Del 2018 Secondo Giuseppe Segala" reviewed by Giuseppe Segala


La produzione del 2018 è stata copiosa e alcuni grandi protagonisti, come Henry Threadgill e Steve Coleman, hanno pubblicato documenti significativi della propria attività. Ha fatto giustamente scalpore il ritrovamento delle registrazioni di John Coltrane, pubblicate con il titolo Both Directions at Once, che aggiungono motivi di riflessione e piacere a chi non si stanca di frequentare la stupefacente accelerazione di Trane negli anni Sessanta. Alcuni lavori sono di ascolto impegnativo: i sei CD dedicati dal chitarrista Miles Okazaki all'opera ...

Il Meglio del 2018 Secondo Nicola Negri

Read "Il Meglio del 2018 Secondo Nicola Negri" reviewed by Nicola Negri


Per chi non se ne fosse accorto, stiamo vivendo un momento musicale straordinario, fatto di ricerca senza confini, ibridazioni linguistiche e condivisione di esperienze spesso agli antipodi--insomma diametralmente opposto al periodo storico, in cui l'ignoranza miope delle nuove destre vorrebbe tenerci divisi, ancorati ad un'idea identitaria ormai superata dalla storia. Dal jazz più classico alle contaminazioni rock e noise, dall'improvvisazione libera alla ricerca pura della composizione contemporanea, anche questo 2018 ha visto una produzione discografica di livello altissimo, con ...

Il meglio del 2018 secondo Vincenzo Roggero

Read "Il meglio del 2018 secondo Vincenzo Roggero" reviewed by Vincenzo Roggero


Anche quest'anno tanti gli ascolti, tante le proposte interessanti, e come al solito, difficile sintetizzare il meglio in dodici dischi. Non necessariamente i migliori ma quelli che, in un modo o nell'altro, hanno lasciato un segno. In testa una conferma, Steve Coleman, eh sì ancora lui, per il disco certo, ma anche per i meravigliosi concerti che ha regalato con suoi Five Elements. E una sorpresa, Slow is Possible, band portoghese praticamente sconosciuta, con un album di debutto clamoroso. Senza ...

Il meglio del 2018 secondo Angelo Leonardi

Read "Il meglio del 2018 secondo Angelo Leonardi" reviewed by Angelo Leonardi


Ogni linguaggio che partecipa alla multiforme scena del jazz contemporaneo ha espresso dischi eccellenti, equiparabili per valore artistico . Dal mio punto di vista, accanto alle opere di veterani sempre creativi come Henry Threadgill, Kenny Barron, Bill Frisell e Franco D'Andrea, ho ammirato i lavori di quaranta/cinquantenni come Jamie Saft, JD Allen, Michael Leonhart, Edward Simon e del nostro Riccardo Brazzale, il leader della Lydian Sound Orchestra. Senza dimenticare le trentottenni Mary Halvorson e Anat Cohen a dimostrazione ...

Il Meglio del 2017 secondo Mario Calvitti

Read "Il Meglio del 2017 secondo Mario Calvitti" reviewed by Mario Calvitti


Premessa doverosa: la lista che segue non ha la pretesa di rappresentare il meglio dell'anno in termini assoluti (al giorno d'oggi chi è che ha la possibilità di seguire tutto quello che viene pubblicato?), né di voler definire una sorta di riassunto dell'anno appena trascorso, ma più semplicemente riflett quello che ho maggiormente apprezzato nell'ambito di quanto ho avuto modo di ascoltare nel corso del 2017, e che sicuramente continuerò ad ascoltare nel tempo. Naturalmente l'elenco è ...

Il meglio del 2017 secondo Vincenzo Roggero

Read "Il meglio del 2017 secondo Vincenzo  Roggero" reviewed by Vincenzo Roggero


Tempo di consuntivi e di classifiche. Piuttosto complicato, decisamente parziale ma comunque divertente estrarre dal cilindro del 2017 dodici titoli rappresentativi. Così tra conferme che profumano di classicità -Craig Taborn, Steve Coleman, Nicole Mitchell, Rob Mazurek -, debutti clamorosi -Jaimie Branch -, ritorni tanto attesi -Arto Lindsay -, connubi sorprendenti -Iggy Pop con il trio di Jamie Saft-, e una vitale scena italiana ci apprestiamo, curiosi, ad un nuovo anno di ascolti. Dischi Ferdinando Faraò Artchipel ...


Engage

Contest Giveaways
Enter our latest contest giveaway sponsored by AGS Recordings

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.