All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

David S. Ware: Apogee - Birth of a Being

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Birth of a Being presenta l'esordio del trio denominato Apogee -David S. Ware, Cooper-Moore, Marc Edwards -originariamente stampato in vinile dalla label svizzera hat Hut nel 1979 e rimasto fuori catalogo per più di trent'anni, più un secondo CD di materiale proveniente dalle stesse session e mai pubblicato fino ad ora. Se il disco di debutto da leader del sassofonista di Plainfield, New Jersey, getta le fondamenta del celebrato quartetto che incise per Columbia e DIW negli anni novanta, il materiale inedito ascoltato nel secondo CD, pur mancando della compattezza e della forza d'urto del precedente, contiene comunque più di un motivo di interesse.

L'inizio di tutto è "Prayer," una dichiarazione d'intenti che accompagnerà Ware lungo la sua carriera fino alla prematura scomparsa avvenuta nell'ottobre del 2012. Ossia un formidabile afflato spirituale che si estrinseca attraverso estenuanti cavalcate al tenore che geme, urla, strepita, sussurra, comunica tutta la gamma possibile di sentimenti, di passioni, di gioie e di dolori con spirali di note ripetitive e impazzite. Edwards alla batteria fornisce una ritmica infernale, asfissiante, non concede tregua mentre Cooper-Moore diventa l'elemento straniante, cluster e dissonanze trasformano il suo pianoforte in liquido di contrasto per la reazione del trio.

Musica che tramortisce, che lascia senza respiro e senza appello, la tradizione come linfa insostituibile, il delirio espressivo come unica via di fuga. La sublimazione di questa estetica troverà compimento, si diceva, negli album degli anni novanta in particolar modo in Godspelized, uno dei vertici di un musicista che come pochissimi altri si è adoperato a raccogliere e ad espandere l'eredità di John Coltrane.

Il secondo CD, oltre ad una alternate take di "Prayer" comunque interessante, mostra il lato più riflessivo di Ware. "Cry" e "Stop Time" -oltre trenta minuti complessivi -privilegiano l'interplay, il trio si riequilibra nelle sue componenti, certo perde irruenza e visionarietà ma esalta la fitta trama di connessioni che si instaurano tra musicisti in piena sintonia e avvolti in una sorta di enigmatica souplesse. "Ashimba" vede Cooper-Moore alle prese con uno xylofono di propria costruzione (pratica che affinerà sempre di più nel corso degli anni, quella della costruzione di strumenti originali) per due minuti di pura magia ancestrale. Mentre "Solo" è il soffio solitario di Ware, preghiera finale di una registrazione nodale per gli sviluppi della carriera di David S. Ware.

Prezioso.

Track Listing:
CD 1:
Prayer; Thematic Womb; A Primary Piece #1; A Primary Piece #2.
CD 2:
Prayer; Cry; Stop Time; Ashimba; Solo.

Personnel: David S. Ware: sax tenore; Cooper-Moore: piano; Marc Edwards: batteria.

Title: Apogee - Birth of a Being | Year Released: 2016 | Record Label: AUM Fidelity

About David S. Ware
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Watch

Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Get App | More...

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read No Place to Fall
No Place to Fall
By Mark Corroto
Read Cooper's Park
Cooper's Park
By Mike Jurkovic
Read Katarsis4
Katarsis4
By Vitalijus Gailius
Read A Throw Of Dice
A Throw Of Dice
By Dan McClenaghan
Read Roma
Roma
By Mike Jurkovic
Read e-motion
e-motion
By Nicholas F. Mondello
Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky