Home » Articoli » Album Review » Alberto Dipace Eyes And Madness: A Dreamy Journey

Alberto Dipace Eyes And Madness: A Dreamy Journey

By

Sign in to view read count
Alberto Dipace Eyes And Madness: A Dreamy Journey
Dopo il bell'album d'esordio nel 2018, Eyes And Madness, dedicato a Essbjörn Svensson, e l'eccellente Collera City, nel 2020, ospite il chitarrista Andrea Massaria, torna il trio del pianista Alberto Dipace, con Danilo Gallo al contrabbasso e Ferdinando Farao alla batteria. La cifra è la medesima—libertà improvvisativa e pariteticità d'azione, senza perdere di vista il piano narrativo e perfino una certa liricità—declinata all'interno dell'ispirazione extramusicale del viaggio.

La prima traccia del disco e tappa iniziale di The Dreamy Journey, "A Gently Flowing River," si avvia con un solitario omaggio a Paul Bley, nel corso del quale il piano di Dipace gioca con pause e risonanze; l'ingresso dei due compagni sviluppa l'idea iniziale in molteplici direzioni, sempre in un clima sospeso e meditativo, fino a culminare nell'interazione con i suoni di un flauto. Inizia più dinamicamente la successiva "The Growing Child," sospinta dalla possente pulsione del contrabbasso e dalle molteplici figurazioni della batteria, ma poi muta scenari a più riprese, rarefacendosi e poi riaccelerando—un tratto caratteristico dell'intero lavoro, che infatti viene sviluppato anche in altri brani, come i due successivi.

"The Colour Ballad" è una narrazione delicata, giocata sul dialogo tra piano e contrabbasso, mentre "Echoes" è un rimbalzare di contrasti sonori, sospesi e prodotti in modi informali. In "Meeting Chaos" il dialogo, singolarissimo, è tra la batteria e il contrabbasso, che creano una fitta trama su cui si libra il pianoforte, impennandosi poi in un crescendo di ostinati; "Dripping Leaves" è aperto da uno strepitoso assolo di contrabbasso dal gusto blues, prosegue con lo scintillare delle note alte del piano, per poi svilupparsi in una lunga, cangiante narrazione; "Running Ahead" è un capolavoro di Faraò, protagonista con un arrembante mutar di ritmi sui quali Dipace si arrampica con molteplici ostinati. L'ultimo brano è un sospeso incrociarsi di suoni tra pause e risonanze, che evoca un "andar oltre" il viaggio appena terminato, e conclude suggestivamente il disco.

Lavoro splendido, mai prevedibile nei suoi sviluppi, sempre godibilissimo, con tre musicisti che danno il meglio di loro stessi: inventivo, sensibilissimo sui tasti, estremamente ricco nella scelta di stilemi il leader, uno dei nostri pianisti oggi più interessanti; multiforme e sempre estremamente presente, con la sua sontuosa cavata, Danilo Gallo; di sorprendente varietà e capace ora di condurre i brani, ora di "scomparire" Ferdinando Faraò. Tra le cose migliori ascoltate nel 2022.

Personnel

Album information

Title: A Dreamy Journey | Year Released: 2022 | Record Label: Amp Music & Records


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

On The Scene
Gianmarco Ferri
Chinwag
Larry Goldings & John Sneider
Oceanic
Rob Brown

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.