Home » Articoli » Peter Evans: Zebulon

Album Review

Peter Evans: Zebulon

By

Sign in to view read count
Peter Evans: Zebulon
Peter Evans ha rappresentato senz'ombra di dubbio, per coloro che lo conoscevano poco o punto, la più sfavillante sorpresa dell'ultimo Bergamo Jazz, dove ha portato giustappunto il trio protagonista di questo CD, inciso un anno prima del concerto bergamasco (il 25 e 26 marzo 2012) nel locale newyorchese che lo intitola.

Il disco, poco meno di un'ora e venti di musica tiratissima suddivisa in non più di quattro (ovviamente ampi) brani, fornisce uno spaccato esauriente circa il lavoro della formazione, che peraltro nel frattempo (vedi appunto il set orobico) ha fatto ulteriori passi in avanti.

Se di Evans si conosceva la feconda partecipazione all'Electro-Acoustic di Evan Parker e la militanza in Mostly Other People Do the Killing, tutto peraltro in regime di partnership, sul piano individuale non può essere taciuta la caparbia, ardita attività in solo (si veda il video in calce) e svariate altre esperienze non meno sporte in avanti.

Il fatto è che il Nostro non affronta nulla in maniera men che rigorosa (e rigogliosa). Ce lo conferma questo album, in cui la sua tromba scorrazza in lungo e in largo sempre dall'alto di una tecnica (per emissione, fraseggio, temerarietà espositiva, ancor più palpabile de visu a Bergamo) strabiliante, che ricorda un po' Dave Douglas (specie nel suono, tagliente e limpidissimo) ma va oltre.

Hébert e Overall gli danno man forte senza sosta (anzi è lui, se proprio vogliamo, a incaponirsi qua e là in cellule ritmico-motiviche fin troppo iterate, specificatamente in "Broken Cycles" - il cui titolo ricicla, è proprio il caso di dirlo, quello della celebre "Broken Bicycles" di Tom Waits - e in "Carnival") e l'ascolto si rivela sempre vivace, teso, scoppiettante. Sul piano individuale, sottolineeremmo per Hébert l'ampio assolo che illumina il brano di commiato, per Overall le efficacissime fratture interne al dialogo a tre che sa creare in "Lullaby". Un disco senz'altro da consigliare, quindi. Nella convinzione - come si accennava - che se lo registrasse oggi il trio saprebbe fare ancora meglio.

Track Listing

01. 3625; 02 – Lullaby; 03 - Broken Cycles; 04 – Carnival.

Personnel

Peter Evans (tromba), John Hébert (contrabbasso), Kassa Overall (batteria).

Album information

Title: Zebulon | Year Released: 2013 | Record Label: Aire Sol Records

Post a comment about this album

Tags

More

Brooklyn Calling
Stan Killian
Andromeda's Mystery
Doruzka Wylzot Ballard
Boiling Point
Gordon Grdina's Nomad Trio

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.