All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Dan Moretti: Tres Muse

BY

Sign in to view read count
Dan Moretti: Tres Muse
Medeski, Martin & Wood con il sax al posto delle tastiere. Se volessimo far il gioco delle somiglianze, questa potrebbe servire a dare un idea del clima che si respira in Tres Muse.

Batteria ipercinetica, basso elettrico implacabile e funkeggiante, sax tenore che sospinto dalla ritmica così stimolante può permettersi di scorazzare in lungo e in largo nei territori più disparati. Perché in Tres Muse troviamo sonorità fusion anni settanta, ballads dai sapori popolari, la contagiosa cantabilità dei ritmi caraibici, echi di fanfare e via dicendo.

Non manca certo il jazz straight-ahead ma è risolto in modi lontani dai power trio che hanno fatto la storia della musica afroamericana (Sonny Rollins, Ornette Coleman, Joe Henderson, etc). Qui il modus operandi è lineare, non ci sono stratificazioni, scatole cinesi o implicazioni intellettuali, perché l'enfasi viene posta sul groove, sulla comunicazione diretta con l'ascoltatore, su un alchimia strumentale in grado di creare atmosfere intriganti e coinvolgenti.

Track Listing

Off The One; Cajun the Squirel; Mumbo Jumbo; Fais Do-do; The Whisper; Invoke; Guacamaya; The Corner; Walk The Talk; Ready Set Free; Leelander.

Personnel

Dan Moretti: tenor sax; Marty Ballou: electric bass; Marty Richards: drums.

Album information

Title: Tres Muse | Year Released: 2009 | Record Label: Foundations Jazz Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Late Night
Sean Fyfe Quartet
Soul In Plain Sight
Angelika Niescier
Jump
Julieta Eugenio
Two For The Road
Tara Minton & Ed Babar
The Color of Angels
Doug Scarborough
Inimitable
Michael Bisio
The 7th Hand
Immanuel Wilkins

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.