Home » Articoli » Orquesta del Tiempo Perdido: Traantjes

Album Review

Orquesta del Tiempo Perdido: Traantjes

By

Sign in to view read count
Orquesta del Tiempo Perdido: Traantjes
L'Orquesta del Tiempo Perdido è un visionario progetto dell'olandese Jeroen Kimman, che ha debuttato nel 2018 con l'album Stille ed ora riconferma tutto il suo eclettico e bizzarro universo stilistico con Traantjes (in olandese lacrime).

In contraddizione con le nostalgiche illustrazioni della cover (ma anche qui si può discutere, vista la somiglianza con test proiettivi come il T.A.T., che fanno emergere l'inconscio), la musica assembla frammenti stilistici diversi, indulgendo sulle musiche popolari e bandistiche centroamericane e sul country & western. L'uso della steel guitar e della tuba è centrale ma l'effetto esotico si scontra con la tensione sperimentale, che ne altera e distorce i tratti come in una lente deformante.

Al primo impatto l'effetto può essere straniante ma un ascolto attento svela ricchezza e originalità nelle composizioni (tutte di Kimman) e negli arrangiamenti. Gli interventi solisti sono limitati e attentamente controllati. Le attese che possiamo avere in base alle forme canoniche del jazz non aiutano: tanto vale ascoltare con mente aperta, trovando magari collegamenti con Henry Threadgill.

Il brano stilisticamente più vicino al linguaggio afroamericano è "Sexytime" ma anche qui l'architettura è anomala: una sequenza orchestrale di 30 secondi incastonata in una lunga parte iterativa (tuba, synth, chitarra e batteria) punteggiata da frammenti di un drammatico dialogo. Un concitato clima rock caratterizza sia "Bubble" che "In 19," in una singolare convivenza con la steel guitar e occasionali frantumazioni del tessuto. La contraddizione (o potremmo meglio dire, l'ambivalenza) domina altri brani del disco: la melodia popolare di "Feels" è più angosciante che festosa; la festa paesana latina di "Dos o tres cervezas" è un viaggio onirico trasfigurato.

Una lavoro musicale solo in apparenza stravagante o coloristico ma davvero ricco e immaginifico.

Album della settimana.

Track Listing

Feels; Climate War One Won Theme; Dos o Tres Cervezas; Poppin' Chops; Sourcingsperspectief; Bubble; Sexytime; In 19; Elastiek; Bye Bye Things; Da Marco.

Personnel

Jeroen Kimman: guitar; Koen Kaptijn: trombone; Salvoandrea Lucifora: trombone; Joost Buis: trombone; Anna voor de Wind: clarinet; John Dikeman: saxophone; Nora Mulder: piano; Floris van Bergeijk: synthesizer; Seamus Cater: harmonica; Miriam Overlach: harp; Jasper Stadhouders: guitar; Leo Svirsky: piano; Koen Nutters: bass, acoustic; Peter Jessen: bass, acoustic; Tristan Renfrow: drums.

Additional Instrumentation

Jeroen Kimman: pedal steel guitar, bass guitar, banjo, sampling; Salvoandrea Lucifora: tuba; Ben Zelinsky: bassoon; Mark Morse: lapsteel; Patricio Wang: panflutes; Jasper Stadhouders: bass, mandolin; Leo Christian Smith: xylophone; Daniel Cross: tuned bells; Onno Govaert: glockenspiel, pandeiro, timbales.

Album information

Title: Traantjes | Year Released: 2021 | Record Label: Astral Music

Post a comment about this album

Tags

More

Light As Never
Linus + Økland/Van Heertum/Zach
Live At Mobydick Records
The Michael Lauren Trio

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.