Musician? Boost Your Visibility at All About Jazz

Upgrade your AAJ musician page from standard to premium and make your presence felt!

Maximize your visibility at All About Jazz by upgrading your musician page from standard to premium. With it, you'll receive All About Jazz home page exposure, a highly stylized / ad-free musician page with bonus features and benefits, an ad, plus you control where you sell your music and so much more.
Learn More

Enrico Pieranunzi Jazz Ensemble: Time's Passage

Neri Pollastri BY

Sign in to view read count
Enrico Pieranunzi Jazz Ensemble: Time's Passage
Quattro anni dopo My Songbook, l'album che ne aveva rivelato l'aspetto di songwriter, Enrico Pieranunzi torna a pubblicare un album di canzoni, ancora una volta interpretate dalla voce duttile ed elegante di Simona Severini.

La formazione è diversa dalla precedente: conserva Luca Bulgarelli a contrabbasso e basso elettrico, gli affianca il fido André Ceccarelli alla batteria e l'ospite Andrea Dulbecco al vibrafono, escludendo del tutto i fiati. Ne scaturisce un organico estremamente equilibrato, dai suoni netti e brillanti, adattissimo a un programma di musiche tutte in prevalenza luminose e ricche di verve. I brani, anche qui, sono in larga prevalenza di Pieranunzi, con le sole esclusioni di "In the Wee Small Hours of the Morning" (di David Mann e Bob Hilliard), proposta prima a pieno organico, poi in duo piano e voce, e della conclusiva "Vacation from the Blues" (di Arthur Hamilton e Johnny Mandel), che con la sua marcata venatura blues esce un po' dal clima del disco.

Un clima, tutto sommato, tanto tradizionale, quanto atipico, in quanto da un lato un classicissimo programma di canzoni, eseguite in modo tutto sommato semplice, e dall'altro però di sapore più europeo che americano, più melodico che ritmico, con sonorità avvolgenti—grazie anche all'eccellente lavoro del vibrafono—e arie decisamente radicate nella musica colta del primo novecento, come nel caso di "Valse pour Apollinaire" o "A Nameless Gate." A ciò si aggiungano il ruolo della Severini, che interpreta benissimo, ma anche in modo sensibilmente diverso da una classica cantante jazz, e quello di Pieranunzi, che si riserva una parte tutt'altro che protagonista, con qualche breve assolo—per esempio quello, assai bello, nella versione in duo di "In the Wee Small Hours of the Morning"—e la vetrina in quartetto senza la voce—in "Perspectives," intervallo strumentale giusto al centro del disco— ma dedicandosi per il resto a un lavoro al servizio del collettivo e della cantante.

Album raffinato ed elegante, ma anche fresco e leggero, che potrà affascinare ed essere apprezzato da palati molto diversi.

Track Listing

Time’s Passage; Valse Pour Apollinaire; Biff; In the Wee Small Hours of the Morning; Perspectives; A Nameless Gate; In the Wee Small Hours of the Morning; The Flower; Vacation from the Blues.

Personnel

Enrico Pieranunzi: piano; Luca Bulgarelli: bass; André Ceccarelli: drums; Simona Severini: voice / vocals; Andrea Dulbecco: vibraphone.

Album information

Title: Time's Passage | Year Released: 2020 | Record Label: Abeat Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

What to Wear in the Dark
Kate McGarry + Keith Ganz Ensemble
Alexis
Alexis Parsons
Future Memories
Mareike Wiening
Open World
Chad Lefkowitz-Brown and the Global Big Band
Fake Dudes
Magnet Animals
Within Us
Chuck Owen and the Jazz Surge

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.