All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Simon Nabatov: Time Labyrinth

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Simon Nabatov: Time Labyrinth
Registrato il 17 aprile 2019 a Colonia, "Time Labyrinth" è la prima parte di un progetto di Simon Nabatov denominato Changing Perspectives, che sarà completato nel prossimo futuro.
Il pianista e compositore di origine russa vive nella città tedesca da quasi tre decenni ed è una figura di primo piano nell'universo della musica improvvisata europea ai confini tra jazz d'avanguardia e musica classica contemporanea.
Le sei composizioni che costituiscono l'opera si collocano decisamente nell'ambito della musica contemporanea anche se in qualche momento troviamo assonanze con elementi tipici del post-free: sono brani da camera quasi completamente scritti per un ensemble senza strumenti ritmici o percussivi. Tra i componenti del settetto troviamo suoi partner di lunga data come i sassofonisti Frank Gratkowski e Matthias Schubert e il contrabbassista Dieter Manderscheid. Il substrato del progetto è filosofico: rappresentare alcune componenti essenziali dell'esistenza e il questo caso il tempo come fenomeno, stimolato dalla lettura di Palomar, la raccolta di racconti di Italo Calvino.

La struttura di ognuna delle sei composizioni—suggestive ma non di facile fruizione-viene illustrata nel booklet dallo stesso Nabatov e si sviluppa con andamento rigoroso tra quadri austeri e altri di libera improvvisazione collettiva. Il flusso musicale di "Metamorph" si snoda secondo un processo dialettico di tesi, antitesi e sintesi. "Reader" si divide tra momenti di astratta compostezza flautistica (Gratkowski), nervosi confronti tra questi e il synth nella parte centrale e un controllato confronto collettivo in chiusura. "Repeated" crea un clima temporale sospeso che confluisce nel singolare intervento di Melvyn Poore alla tuba. Il brano sicuramente più fruibile in prospettiva tradizionale è il conclusivo "Choral," che fa scontrare schegge musicali astratte con una radioso frammmento tematico fino ad alterarne i tratti.
Un'opera coraggiosa e ricca, che conferma il talento compositivo di Nabatov.

Track Listing

Waves; Metamorph; Reader; Right Off; Repeated; Choral.

Personnel

Simon Nabatov: piano; Frank Gratkowski: woodwinds; Melvin Poore: tuba; Matthias Schubert: saxophone, tenor; Shannon Barnett: trombone; Dieter Manderscheid: bass, acoustic; Hans W. Koch: synthesizer.

Album information

Title: Time Labyrinth | Year Released: 2020 | Record Label: Leo Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge
Untucked In Hannover
Tom Rainey Obbligato
Aliens & Wizards
The Spike Wilner Trio
Manhattan Samba
Hendrik Meurkens
Almost Alone Vol 1
Samo Salamon & Friends

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.