Home » Articoli » Simon Nabatov: Time Labyrinth

Album Review

Simon Nabatov: Time Labyrinth

By

Sign in to view read count
Simon Nabatov: Time Labyrinth
Registrato il 17 aprile 2019 a Colonia, "Time Labyrinth" è la prima parte di un progetto di Simon Nabatov denominato Changing Perspectives, che sarà completato nel prossimo futuro.
Il pianista e compositore di origine russa vive nella città tedesca da quasi tre decenni ed è una figura di primo piano nell'universo della musica improvvisata europea ai confini tra jazz d'avanguardia e musica classica contemporanea.
Le sei composizioni che costituiscono l'opera si collocano decisamente nell'ambito della musica contemporanea anche se in qualche momento troviamo assonanze con elementi tipici del post-free: sono brani da camera quasi completamente scritti per un ensemble senza strumenti ritmici o percussivi. Tra i componenti del settetto troviamo suoi partner di lunga data come i sassofonisti Frank Gratkowski e Matthias Schubert e il contrabbassista Dieter Manderscheid. Il substrato del progetto è filosofico: rappresentare alcune componenti essenziali dell'esistenza e il questo caso il tempo come fenomeno, stimolato dalla lettura di Palomar, la raccolta di racconti di Italo Calvino.

La struttura di ognuna delle sei composizioni—suggestive ma non di facile fruizione-viene illustrata nel booklet dallo stesso Nabatov e si sviluppa con andamento rigoroso tra quadri austeri e altri di libera improvvisazione collettiva. Il flusso musicale di "Metamorph" si snoda secondo un processo dialettico di tesi, antitesi e sintesi. "Reader" si divide tra momenti di astratta compostezza flautistica (Gratkowski), nervosi confronti tra questi e il synth nella parte centrale e un controllato confronto collettivo in chiusura. "Repeated" crea un clima temporale sospeso che confluisce nel singolare intervento di Melvyn Poore alla tuba. Il brano sicuramente più fruibile in prospettiva tradizionale è il conclusivo "Choral," che fa scontrare schegge musicali astratte con una radioso frammmento tematico fino ad alterarne i tratti.
Un'opera coraggiosa e ricca, che conferma il talento compositivo di Nabatov.

Track Listing

Waves; Metamorph; Reader; Right Off; Repeated; Choral.

Personnel

Simon Nabatov: piano; Frank Gratkowski: woodwinds; Melvin Poore: tuba; Matthias Schubert: saxophone, tenor; Shannon Barnett: trombone; Dieter Manderscheid: bass, acoustic; Hans W. Koch: synthesizer.

Album information

Title: Time Labyrinth | Year Released: 2020 | Record Label: Leo Records


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Spirituality
Courtney Pine
Speakers In The House
The Headhunters
Grow
Kaja Draksler, Susana Santos Silva
Live From the Heat Dome
Thomas Marriott

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.