All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Stefano Battaglia Trio: The River of Anyder

BY

Sign in to view read count
Stefano Battaglia Trio: The River of Anyder
Il lungo viaggio musicale di Battaglia, nel suo nuovo capitolo per l'etichetta di Manfred Eicher, s'ispira ai luoghi fantasticati che scrittori, filosofi o mistici hanno evocato nel corso dei secoli. I titoli dei brani spaziano dalla città-fortezza descritta da Tolkien ne Il Signore degli Anelli (Minas Tirith) ad Anagoor di Dino Buzzati, dalla Bensalem di Francis Bacon alle pure acque del fiume di Anyder, ritratte da Thomas More nelle pagine dell'Utopia. L'album si conclude con un brevissimo riferimento al grande mistico degli Oglala, Alce Nero.

Il fascino di quei luoghi archetipici è riflesso nella forza evocativa dei temi di Battaglia e nelle avvincenti esecuzioni del trio con Salvatore Maiore e Roberto Dani. Forse più che in altre occasioni la musica del pianista rivela alta capacità di coinvolgimento e fascinazione: la sua tastiera crea climi sospesi, ricchi di tinte radiose e atmosfere rarefatte, delinendo paesaggi di alto lirismo, che si dilatano nello spazio.

Il suo pregevole tocco da concertista e la nitida diteggiatura sono al servizio di una vena cantabile, che spazia da momenti romantici a situazioni danzanti venate di colori etnici.

Nell'ambito di queste scelte espressive il percorso musicale è intenso e variopinto. In qualche occasione bastano poche note di piano per evocare un mood austero, di grande forza evocativa, come in "Minas Tirith" o in "Nowhere Song"; in altri momenti (il lungo "Sham-bha-lah") il tema contrappone un solare clima iterativo, etnicamente caratterizzato, ad un episodio cameristico di sapore crepuscolare, concludendosi in una sintesi d'ampio respiro.

Un disco superlativo, che nasce da un progetto lungamente meditato, dove la ricercatezza delle forme (e delle composizioni) non sacrificare l'inventiva estemporanea del leader e l'empatica relazione coi suoi notevoli partner.

Track Listing

The Minas Truth; The River of Anyder; Ararat Dance; Return to Bensalem; Nowhere Song; Sham-bha-lah; Bensalem; Anagoor; Ararat Prayer; Anywhere Song.

Personnel

Stefano Battaglia: piano; Salvatore Maiore: double bass; Roberto Dani: drums.

Album information

Title: The River of Anyder | Year Released: 2011 | Record Label: ECM Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Live at the Green Mill
Matt Ulery's Delicate Charms
Eternal Aporia
Ben Thomas (US)
Late Night
Sean Fyfe
Cajun Blue
Juliet Varnedoe
2 Blues For Cecil
Andrew Cyrille, William Parker & Enrico Rava
Late Night
Sean Fyfe Quartet
Soul In Plain Sight
Angelika Niescier

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.