All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Günter Lenz Springtime: Strict Minimum

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Günter Lenz Springtime: Strict Minimum
Basterebbe un solo dato biografico per consegnare definitivamente alla leggenda il nome di Günter Lenz: nel dicembre del ’65, quando il quintetto di Krzysztof Komeda entrava di diritto nella storia del jazz europeo, e non solo, licenziando l’imprescindibile Astigmatic, il contrabbassista di Francoforte c’era. E c’era anche qualche anno prima, al fianco di Albert Mangelsdorff, in una delle prime formazioni autenticamente originali sfornate dal vecchio continente.

Non vi basta? Allora sappiate che il contrabbasso di Lenz è stato una delle colonne portanti della mitica NDR Big Band, nonché la prima scelta di Alex Von Schlippenbach al momento di assemblare la Berlin Contemporary Jazz Orchestra.

Soddisfatti? Il sommario ritratto dovrebbe bastare a convincere anche i più scettici dell’indiscutibile caratura del personaggio. Per coloro che nutrissero ancora qualche dubbio, è consigliabile l’ascolto del presente Strict Minimum, che vede all’opera il sestetto Springtime ed è licenziato dalla teutonica Jazzwerkstatt (segnatevi questo nome, perchè il catalogo è sfizioso, facilmente reperibile e promette piacevoli sorprese).

C’è di che saziarsi in queste sette composizioni originali. C’è la penna di Lenz, ispirata e capace di ricamare orditi preziosi ed intricati (vedi la sorprendente e mutevole “Holzbein”); per non parlare della maestria al contrabbasso, con quel suono scuro e rotondo, preciso e vibrante. C’è la voce inconfondibile del contralto di Ernst-Ludwig Petrowsky (membro storico di quel Zentralquartett recentemente apprezzato nel delizioso 11 Songs - Aus Teutschenn Landen). C’è la verve incontenibile di Gebhard Ullman, un’autentica furia al clarinetto basso e al soprano (riascoltatevi il recente Cut It Out). C’è la tromba hard-bop del giovane Claus Stötter, tagliente e bruciante secondo i dettami lasciati da Lee Morgan e Freddie Hubbard. Ci sono, infine, il drumming impeccabile di Billy Elgart (un altro patriarca della scena tedesca) e il tocco decisamente appropriato del pianista Dieter Glawischnig (da qualche parte fra Duke Ellington e Andrew Hill).

Mai scontato, perfettamente orchestrato e interpretato in maniera più che convincente, Strict Minimum potrebbe essere definito come l’ennesima zampata neo-bop di un veterano che ha classe da vendere.

Track Listing

1. La vielle prune - 3:33; 2. Holzbein - 8:47; 3. Cotton Worldwide - 5:09; 4. B-A-C-H - 12:23; 5. Turbo Bop - 7:03; 6. Perpetual Questions - 11:12; 7. Strict Minimum - 7:45. Tutte le composizioni sono di Günter Lenz

Personnel

Claus Stötter (tromba, flicorno); Gebhard Ullman (sax tenore e soprano, clarinetto basso); Ernst-Ludwig Petrowsky (sax alto, clarinetto, flauto); Günter Lenz (contrabbasso); Dieter glawischnig (pianoforte); Billy Elgart (batteria).

Album information

Title: Strict Minimum | Year Released: 2007

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Sing To The World
Benito Gonzalez
Quasar-Mach
Jeffrey Morgan
Inspirations
Mindaugas Stumbras
Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.