Musician? Boost Your Visibility at All About Jazz

Upgrade your AAJ musician page from standard to premium and make your presence felt!

Maximize your visibility at All About Jazz by upgrading your musician page from standard to premium. With it, you'll receive All About Jazz home page exposure, a highly stylized / ad-free musician page with bonus features and benefits, an ad, plus you control where you sell your music and so much more.
Learn More

Brandee Younger: Somewhere Different

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
Brandee Younger: Somewhere Different
Da un decennio Brandee Younger è il nuovo volto dell'arpa nel jazz ma solo da poco ottiene i pieni riconoscimenti del suo valore: nel 2020 vince il referendum della critica di Down Beat nella categoria emergenti per "Strumenti Vari" e nel recentissimo Critics Poll 2021 è votata al secondo posto in quella principale, dopo la violoncellista Tomeka Reid. Non è casuale la presenza di entrambe nel poliedrico Universal Beings di Makaya McCraven, uno dei dischi più riusciti e acclamati della black music contemporanea.

Questo debutto per l'etichetta Impulse! giunge dopo sette album da leader o co-leader, ultimo dei quali è il duo con il bassista Dezron Douglas (Force Majeure, International Anthem 2020) dove l'arpista, evidenzia al meglio doti strumentali e inventiva d'interprete.

I suoi lavori precedenti erano di meno facile reperibitlità. Per chi non la conosce ancora, ricordiamo la filiazione da Dorothy Ashby e Alice Coltrane, le cui influenze sono ben presenti nel suo stile improvvisativo e nelle scelte espressive.

Dezron Douglas, già partner in tutti i dischi dell'arpista, opera qui come produttore ed è certamente "corresponsabile" del progetto complessivo, che limita passate atmosfere coltraniane e legami con la black popular music a favore di lente composizioni con interventi dell'arpista melodicamente fragranti ma un po' uniformi (e concessioni al pop in "Pretend" e "Reclamation"). Dopo i tre accattivanti brani iniziali, venati di neo-soul, il progetto predilige infatti lente esecuzioni in trio, che risultano più coinvolgenti in "Olivia Benson" e "Beautiful is Black," dove Ron Carter aggiunge profondità timbrica e articolazione ritmica alle esili trame dell'arpa da concerto.

Track Listing

Reclamation; Spirit U Will; Pretend; Somewhere Different; Love & Struggle; Beautiful Is Black; Olivia Benson; Tickled Pink.

Personnel

Brandee Younger: harp; Maurice Brown: trumpet; Chelsea Baratz: saxophone, tenor; Anne Drummond: flute; Rashaan Carter: bass, acoustic; Allan Mednard: drums; Marcus Gilmore: drums.

Additional Instrumentation

Guests: Ron Carter: bass on tracks 6, 7; Tarriona "Tank" Ball: vocal on track 3.

Album information

Title: Somewhere Different | Year Released: 2021 | Record Label: Impulse! Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Live!
Chick Corea Akoustic Band
Distant Voices
David Janeway
Two As One
Abbey Rader and John McMinn
Stepping Up
Simply This Quintet
Eightfold Path
Jeff Lederer
Appaz
Skerebotte Fatta
Repeat
Hogo Fogo
Mary's Ideas
Umlaut Big band

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.