Home » Articoli » Album Review » Elton Dean – Hugh Hopper - Hoppy Kamiyama - Yoshida Tats...

1

Elton Dean – Hugh Hopper - Hoppy Kamiyama - Yoshida Tatsuya: Soft Mountain

By

Sign in to view read count
Elton Dean – Hugh Hopper - Hoppy Kamiyama - Yoshida Tatsuya: Soft Mountain
Nel 2003 il saxofonista Elton Dean e il bassista Hugh Hopper erano in tour in Giappone, assieme ad Allan Hodsworth e a John Marshall, con il progetto Soft Works e il bassista decise di contattare il noto tastierista giapponese Hoppy Kamiyama per programmare un incontro in studio capace di generare materiale da pubblicare.

Il tastierista non si lasciò scappare l’occasione, propose di imbarcare anche il batterista Yoshida Tatsuya (che Hopper aveva già conosciuto a Londra in occasione di un concerto del gruppo Acid Mothers Temple, un progetto collegato ai Gong del vecchio amico Daevid Allen) e i quattro musicisti si trovarono negli studi Gok di Tokyo per incidere due lunghe improvvisazioni. Senza discussioni, senza accordi, senza preparazione. Semplicemente lasciando uscire la musica, lasciando scorrere l’ispirazione. Con una buona bevuta al bar a fare da intermezzo fra i due set.

Visti i buoni rapporti con Hopper e con tutto l’entourage dei Soft Machine, la Hux Records non si è lasciata scappare l’occasione di pubblicare questo materiale, una sorta di testamento epico del saxofonista Elton Dean che nel frattempo, giusto un anno fa, ci ha lasciato.

La musica si muove con grande passione nelle due lunghe suite, toccando aree tematiche ben strutturate che lasciano davvero stupefatti, pensando alle circostanze nelle quali questo incontro si è materializzato. Evidentemente i linguaggi comuni della musica moderna sono sufficientemente consolidati e stratificati anche in musicisti che arrivano da esperienze e mondi molto diversi fra loro. E il livello di conoscenza di questa musica sbocciata come un fiore nel deserto quasi quarant'anni fa è davvero universale, capace di prescindere dai confini geografici e dai mille oceani che cercano di mettersi di mezzo.

I sax di Elton Dean sono spesso in primo piano, impegnati in lunghi voli zigzaganti, carichi di fragranze sulfuree, che abbracciano un arco narrativo sempre ben percepibile, anche nei momenti nei quali le forzature timbriche si fanno segno di fuoco indelebile. Le tastiere di Hoppy Kamiyama sono colme di immaginazione, precise e dilatate quanto basta per innescare il turbocompressore nascosto nella catena d effetti di uno Hugh Hopper elettrico e lisergico come non mai. La batteria di Yoshida Tatsuya è sempre incalzante ed impetuosa e fa da propellente carico di ottani per le scorribande di questi quattro cavalieri che non si fermano di fronte alle asperità e si intrufolano in territori soleggiati dove l’aridità del suolo è contrapposta alla rigogliosità della vegetazione. Una cosa improbabile in natura ma evidentemente possibile nei mondi virtuali che questa musica sa così bene evocare.

Discografia di Elton Dean.

Track Listing

01. Soft Mountain Suite Pt. 1 (30:40); 02. Soft Mountain Suite Pt. 2 (27:55).

Personnel

Elton Dean
saxophone

Elton Dean (sax); Hugh Hopper (basso elettrico); Hoppy Kamiyama(tastiere); Yoshida Tatsuya (batteria).

Album information

Title: Soft Mountain | Year Released: 2007 | Record Label: Hux Records

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Being
Chris Rottmayer
Town of Two Faces
The Choir Invisible with Charlotte Greve, Vinnie...
They Tried to Kill Me Yesterday
Paul R. Harding / Michael Bisio / Juma Sultan
Eagle's Point
Chris Potter

Popular

Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.