All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Saalfelden Jazz Festival, 2018

Saalfelden Jazz Festival, 2018
Stefano Merighi By

Sign in to view read count
Jazz Festival SaalfeldenJazzfestival Saalfelden 2018
Saalfelden, Austria
Casa del Jazz
23-26.08.2018

Il Jazzfestival di Saalfelden garantisce di solito un combinato efficace di musica avventurosa, inedita, ed esibizioni invece legate a nomi "sicuri," sempre di gran qualità. Quest'anno la formula si è rivelata meno felice del solito, pur contando su un numero di concerti ancor più elevato. Non è semplice azzeccare le proposte nuove, molti gruppi al di là delle apparenze riciclano materiali ampiamente prevedibili. Sta di fatto che diversi osservatori hanno criticato l'insieme del programma, senza per questo negare l'eccellenza di alcuni set.

In effetti spesso molte musiche sono parse prive di passione, sfocate, attente più all'intrattenimento e alla tecnica che non alla concentrazione emotiva e a una convincente poetica.

Questione anche di gusti personali, ma dispiace notare come i consueti musicisti americani, passati più volte al festival, siano sempre diverse spanne sopra alla variegata compagine di gruppi europei, anche giovani, non tutti all'altezza della situazione.

Tra questi piace citare gli austriaci Little Rosies Kindergarten, gruppo di tredici elementi che, pur con una proposta un po' dispersiva ed eclettica, hanno mostrato un sano entusiasmo tematico e improvvisativo, oltre all'avvincente tecnica percussiva di Judith Schwarz. Ma anche il quartetto franco-portoghese Chamber 4 ha convinto con le sue tessiture cameristiche improvvisate, via via sempre più tese, dal lirismo asciutto, con protagonista il violino di Théo Ceccaldi. Questi "short cuts" in scena al Nexus si ricordano ben più di diverse esibizioni del palco principale della Congress Hall.

Sempre al Nexus, ottima impressione ha lasciato il percussionista Lukas König, in un dialogo feroce col maestro chitarrista Elliott Sharp, che ha invece assai deluso in quartetto con la miscela di sbilenche canzoni di "Chansons du Crépuscule."

A proposito di chitarristi: notevole come al solito Marc Ribot. Stavolta con un programma di "protest songs," che si espone ad una facile critica di populismo spicciolo. Invece Ribot è potente e coerente, da anni convinto che l'urlo di indignazione sia elemento sempre essenziale nella musica creativa; così la sintesi di anarchia sonora e di ballate, di rock-blues e cadenze afrocubane coglie nel segno, ricollegandosi forse idealmente allo spirito dei vecchi Rootless Cosmopolitans.

Due chitarre formidabili (Mary Halvorson e Brandon Seabrook) anche nel Triple Double del batterista Tomas Fujiwara, probabilmente il miglior set del festival. Un doppio trio speculare (due batterie, due trombe, due chitarre) con orchestrazioni spettacolari, atmosfere sia aggressive che meditabonde, oasi personali incantevoli. Completano il gruppo Ralph Alessi, Taylor Ho Bynum e Gerald Cleaver.

Gli svizzeri Schnellertollermeier, con il repertorio di "Rights" espongono invece un minimalismo granitico e ipervirtuoso che, specie per qualche sequenza, sfutta al meglio i volumi gonfi, enfatici, oltre che la struttura compositiva ad incastro, zeppa di loops e barocchismi elettrici.

Su tutt'altro versante la vulnerabilità di Jaimie Branch, trombettista il cui esordio discografico è stato magnificato un po' ovunque. La musicista chicagoana mette in collisione luce e tenebre, sfruttando prima ritmi danzabili, quasi caraibici, sprofondando poi in una cupezza claustrofobica sottolineata dalle tessiture di cello e contrabbasso e dalle frasi di tromba trattenute e frammentarie, memori della lezione di Bill Dixon. Un set non sempre a fuoco, ma un sicuro talento da ascoltare forse in un ambiente più intimo.

Non molti gli afroamericani presenti quest'anno. Joe McPhee, ad esempio, sempre in gran forma fisica a dispetto degli anni che scorrono, ha presentato un gruppo curioso con due bassi più guimbri (Guillaume Séguron e Joshua Abrams), sassofoni (Daunik Lazro) e batteria più mbira (Chad Taylor), oltre ai sax e tromba tascabile del leader. Un free dunque arricchito da sonorità di Africa occidentale, meditativo e ombroso, con qualche squarcio di forte espressività e diversi momenti di stasi.

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Live Reviews
Dan Silverman's Early Heroes Jazz Ensemble At FlynnSpace
By Doug Collette
April 25, 2019
Live Reviews
Vossa Jazz Festival 2019: Jazz Folk Meet by the Lake
By Josef Woodard
April 22, 2019
Live Reviews
Doug Perkins and Jamie Masefield At The Double E Performance Center
By Doug Collette
April 21, 2019
Live Reviews
Carla Bley's Trio at the Jazz Standard
By Akinfe Fatou
April 21, 2019
Live Reviews
Jamey Johnson, with Kelsey Waldon and Chris Hennessee, at The Paramount
By Mike Perciaccante
April 20, 2019
Live Reviews
Pat Metheny at The Space at Westbury
By Mike Perciaccante
April 12, 2019