All About Jazz

Home » Articoli » What I'm Listening to Now

3

Rosario Di Rosa

Rosario Di Rosa
Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
1. Thelonious Monk, Blue Monk (Bandstand, 1988).
Questo disco è un bootleg registrato al Newport Jazz Festival nel 1966. Avrei potuto inserire qualunque disco di Monk ma ho scelto questo perché è in assoluto il primo che ho acquistato all'inizio degli anni '90. All'epoca avevo appena iniziato a interessarmi al jazz, anche se non avevo ancora nessuna idea di cosa fosse. Ricordo solo che studiavo tutte quelle regole su come fraseggiare sul 2 e 4 perché mi avevano detto che era importante far sentire il 2 e 4 nel jazz, il che è vero. Poi ho ascoltato questo pianista di cui sapevo poco o nulla e succede che in questo disco durante il suo solo su "Hachensack" lui scelga deliberatamente di improvvisare a un certo punto su 1 e 3, cosa che su tutti i manuali del "bravo jazzista dal successo assicurato" era evidenziata in rosso come peccato mortale. Credo che quella sia stata la prima lezione vera sul jazz e sulla sua essenza, che poi è lo stesso motivo per cui a distanza di tanti anni Monk è per me l'essenza del jazz.

2. Herbie Hancock, Crossings (Warner Bros, 1972).
Hancock è da sempre uno dei miei supereroi preferiti. Anche se oggi la sua produzione discografica è orientata verso un pop di lusso in cui il suo ruolo è sostanzialmente quello di accompagnare cantanti, ci sono dei video di concerti (e YouTube ne è pieno) in cui sembra dire "ragazzi, occhio che stasera mi va di suonare" e a quel punto gli bastano due note per ricordare al mondo chi è Herbie Hancock. Inoltre ho sempre ammirato la sua apertura mentale, in parte mutuata dall'esperienza con Davis, e la sua capacità di aprirsi ai suoni acustici o elettronici più innovativi del momento. Amo e ascolto sempre tutta la sua produzione con Mwandishi e Head Hunters ma, in particolare, mi piace Crossings per due motivi: il primo perché è il disco in cui arriva quel geniaccio dei synth che è Patrick Gleeson che gli spiega come usare gli oscillatori del Mini Moog; e poi perché dal minuto 11:05 di "Sleeping Giant" non si può fare altro che mettersi a ballare.

3. Steve Reich, Music for 18 Musicians (ECM, 1976).
Ho studiato e continuo a studiare la musica definita "minimalista" ormai da diversi anni a questa parte. Il punto di partenza è stato proprio Music for 18 Musicians di Steve Reich che è stato per me uno shock che mi ha portato a modificare il mio approccio alla composizione. Da quel disco sono poi passato agli altri, arrivando ad apprezzare anche le prime e forse più rigorose opere degli anni '60 ai tempi del San Francisco Tape Center. È una musica che mi ha emozionato sin dal primo ascolto, soprattutto perché ha aperto in me delle vie creative che non pensavo esistessero.

4. Radiohead, In Rainbows (XL Recordings, 2007).
Assieme a Kid A, In Rainbows non manca mai tra i miei ascolti. Trovo che sia un disco meraviglioso sotto ogni punto di vista, dalle composizioni (basterebbe la sola "All I Need" per convincersi) ai suoni, agli arrangiamenti. I Radiohead sono per me fonte continua di ispirazione.

5. Fausto Romitelli, Professor Bad Trip (Cypres, 2004).
Romitelli è un altro per cui le barriere non esistono. Nelle sue composizioni quello che conta è la potenza espressiva e non importa se questa venga puntualmente raggiunta per le vie più disparate, in un controllato amalgama tra colto ed extra-colto, classico e popolare, sacro e profano. Mi sono imbattuto in lui per caso, quando il mio professore di composizione mi passò la partitura di "Trash TV Trance," un incredibile brano per sola chitarra elettrica che è uno dei tre pezzi "esterni" al ciclo "Professor Bad Trip" ispirato alle opere del surrealista Henri Michaux scritte sotto l'effetto di droghe e allucinogeni. Di Romitelli adoro la capacità di portare il concetto di composizione in ambiti in cui cade qualunque forma di organizzazione celebrale e formale a favore di una oscura trance sospesa in suoni acidi e distorti di cui alla fine non si può fare a meno.

6. Francesco Massaro & Bestiario, Meccanismi Di Volo (Desuonatori, 2017).
Conosco Francesco da circa un anno ed è subito nata tra noi una stima reciproca. Quello che mi piace della sua musica, e in particolare di questo suo ultimo disco con Bestiario che ascolto spesso, è il non assomigliare a nessuno, un'affermare un'estetica molto personale fatta di finezze timbriche e armoniche. Ogni elemento del gruppo è un "suono/colore" essenziale e si percepisce l'entusiasmo di ogni musicista a essere parte di una storia musicale che diventa arte proprio perché non ha confini di nessun tipo.

Tags

comments powered by Disqus

Arrhythmia (to Morton Subotnick)

Arrhythmia (to Morton Subotnick)

Rosario Di Rosa
Un Cielo Pieno Di Nuvole

Reaction N.3 - Density

Reaction N.3 - Density

Rosario Di Rosa
Composition And Reactions

What I'm Listening to Now
CD/LP/Track Review
Read more articles
Un Cielo Pieno Di Nuvole

Un Cielo Pieno Di...

Deep Voice Records
2017

buy
Composition And Reactions

Composition And...

Deep Voice Records
2017

buy
Cabaret Voltaire

Cabaret Voltaire

Abeat Records
2010

buy

Related Articles

Read Nick Millevoi What I'm Listening to Now
Nick Millevoi
by Vincenzo Roggero
Published: August 2, 2017
Read Mick Rossi What I'm Listening to Now
Mick Rossi
by Vincenzo Roggero
Published: July 13, 2017
Read Mats Gustafsson What I'm Listening to Now
Mats Gustafsson
by Vincenzo Roggero
Published: June 15, 2017
Read Krystle Warren What I'm Listening to Now
Krystle Warren
by Vincenzo Roggero
Published: June 8, 2017
Read Caroline Davis What I'm Listening to Now
Caroline Davis
by Vincenzo Roggero
Published: May 18, 2017
Read "Oslo Jazz Festival 2018" Live Reviews Oslo Jazz Festival 2018
by John Sharpe
Published: August 29, 2018
Read "David Sancious: From Monk to Sting" Interviews David Sancious: From Monk to Sting
by Luca Muchetti
Published: June 8, 2018
Read "Take Five with Tony Kofi" Take Five With... Take Five with Tony Kofi
by Tony Kofi
Published: July 31, 2018
Read "Ian Patterson's Best Releases of 2017" Best of / Year End Ian Patterson's Best Releases of 2017
by Ian Patterson
Published: January 2, 2018
Read "Matthew Shipp Trio at SFJAZZ" Live Reviews Matthew Shipp Trio at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: December 19, 2017