All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Reykjavik Jazz Festival 2018

Luca Vitali By

Sign in to view read count
Reykjavik Jazz Festival
Reykjavik, Islanda
5-9.9.2018

L'Islanda ha prodotto, e produce, una grande quantità di artisti, alcuni dei quali molto conosciuti a livello internazionale come Björk, Múm, Sigur Ros, Ólafur Arnalds, Mingus Amungus, Emiliana Torrini, Of Monsters and Men... il che, a pensarci bene, ha dell'incredibile, se pensiamo che il paese è popolato da meno di 350.000 abitanti, di cui ben 130.000 nella capitale Reykjavík -la più a Nord d'Europa, vivace e intrigante (anche se a tenere banco è la natura che la circonda: ovunque si volga lo sguardo, in Islanda, c'è un geyser, un vulcano, una cascata, e sempre, ovunque, uno scenario mozzafiato!).

E le sorprese non finiscono qui perché la piccola "terra del ghiaccio" (Islanda in Norreno) è anche il luogo d'origine di alcuni fenomenali festival musicali come Iceland Airwaves (a novembre), Secret Solstice (a giugno), Sónar Reykjavík (a febbraio), e il Reykjavik Jazz Festival (agosto/settembre): ragione per cui mi trovavo in città.

Il festival jazz di Reykjavik è il più importante (o meglio l'unico) festival di jazz del paese. Nato nel 1990 e giunto alla sua 29^ edizione, è il più longevo in Islanda e presenta il meglio della scena locale al pari di importanti stelle internazionali. Dal 2014 è diretto dalla pianista Sunna Gunnlaugs e dal contrabbassista Leifur Gunarsson, succeduti al percussionista Pétur Grétarsson che lo aveva diretto per otto anni prima di loro.

Veniamo però a questa quarta edizione diretta da Sunna e Leifur, che ha confermato una forte rappresentanza europea (ma non solo) e che ha dato molto spazio alla scena locale.

Che peccato! è la prima cosa che viene da dire, peccato che per questa edizione l'organizzazione non abbia potuto usufruire degli spazi della Harpa, la concert hall progettata da Olafur Eliasson e inaugurata nel 2011, sede del festival fino allo scorso anno. Il fatto è che, come sempre più spesso —purtroppo-accade, le amministrazioni locali e governative realizzano concert hall strepitose, come questa, non tanto per concederle a costi sostenibili ai festival locali (in tal modo sostenendoli) ma per riservarle in via esclusiva a eventi dal grande richiamo commerciale e popolare —costringendo in tal modo gli organizzatori di festival preziosi, come questo, a rifugiarsi altrove, in location alternative disseminate per la città. Un peccato.

Così, quest'anno, la sede principale del festival è stata il Tjarnarbíó, antico edificio realizzato nel 1913 e usato prima come ghiacciaia, poi come stazione dei pompieri e infine, ai giorni nostri, come teatro indipendente. Ad affiancarlo altri spazi, come la galleria Hannesarholt, il teatro Iðnó, il Kartöflugeymslurnar (antico deposito di patate fuori città) e, ancora, il locale Grand Hotel.

Passiamo, però, a parlare di musica. Il festival è da sempre una vetrina importante per i musicisti locali e molti di loro per l'occasione si sono presentati al "top" della forma, con un nuovo album o un nuovo progetto in uscita. Tradizione vuole che il fischio d'inizio sia una parata che vede i musicisti partire dal punto di raccolta (davanti al negozio di dischi Lucky Records), per invadere le vie cittadine fino a raggiungere la biblioteca comunale —dove ha avuto luogo la cerimonia inaugurale.

La programmazione delle cinque giornate ha visto artisti internazionali, in prevalenza europei—il pianista polacco Marcin Wasilewski col suo trio, la percussionista danese Marilyn Mazur con l'ensemble Shamania, il pianista svedese Lars Jansson, la contrabbassista spagnola Giulia Valle e il duo inglese Skeltr ma anche il chitarrista americano Ralph Towner. E poi tanta Islanda: Sunna Gunnlaugs, Ingi Bjarni Skúlason, Sigurður Flosason, Þórdís Gerður Jónsdóttir, Óskar Guðjónsson, Hilmar Jensson, Una Stefánsdóttir, Scott McLemore (statunitense ma da anni in Islanda)...

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Live Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Shamania

Shamania

RareNoiseRecords
2019

buy
Celestial Circle

Celestial Circle

ECM Records
2011

buy
Elixir

Elixir

ECM Records
2008

buy
 

All The Birds -...

Les Disques Victo
2002

buy
 

Jordsange

Dacapo Records
2000

buy
 

Jordsange / Earth...

Les Disques Victo
2000

buy

Related Articles

Live Reviews
Brilliant Corners 2019
By Ian Patterson
March 19, 2019
Live Reviews
A Bowie Celebration: The David Bowie Alumni Tour at Irving Plaza
By Mike Perciaccante
March 16, 2019
Live Reviews
Cheap Trick with Aaron Lee Tasjan at The NYCB Theatre at Westbury
By Mike Perciaccante
March 16, 2019
Live Reviews
Seun Kuti and Africa 80 at Brick & Mortar
By Harry S. Pariser
March 14, 2019
Live Reviews
Live From Paris: Danyèl Waro, Beñat Achiary & Haffyd H
By Martin Longley
March 13, 2019