0

Darcy James Argue's Secret Society: Real Enemies

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Darcy James Argue's Secret Society: Real Enemies Real Enemies, la performance multimediale che Darcy James Argue's Secret Society ha presentato in varie occasioni nell'ultimo anno, ci consente di apprezzare con la dovuta concentrazione la multiforme ricchezza dei suoi percorsi.
A sette anni dal debutto con Infernal Machine (seguito nel 2012 da Brooklyn Babylon) l'arrangiatore canadese conferma d'essere il massimo orchestratore emerso nel decennio, un artista visionario e inventivo come pochi. Il nuovo progetto tratta le teorie cospirative sviluppatesi negli Stati Uniti, presentando un percorso che integra musica, video, brevi testi o frammenti di discorsi. Il tutto in collaborazione con il projection designer Peter Negrini e il direttore di scena Isaac Butler. Il titolo è preso da un libro di Kathryn Olmsted sulla storia delle paranoie collettive americane nel XX° secolo mentre i testi recitati sono tratti dal volume di Richard Hofstadter, "The Paranoid Style in American Politics."

Entrando nello specifico musicale, riferimenti essenziali per inquadrare il lavoro sono le colonne sonore scritte da Michael Small per il thriller spionistico "The Parallax View" ("Perchè un assassinio") e di David Shire per il poliziesco "The Taking of Pelham 1 2 3" ("Il colpo della metropolitana"). In quei classici degli anni settanta gli autori usavano concetti dodecafonici nei loro commenti musicali e l'esplicita tensione di quelle colonne sonore è nuovamente presente in molti brani di Real Enemies: un clima musicale di attesa, denso e statico, che Argue spesso fonde nel sofisticato impressionismo evansiano. Ma ovviamente non c'è solo questo. I precedenti lavori di Argue hanno evidenziato la sua genialità nel fondere elementi disparati in un progetto coerente. Qui i concetti dodecafonici escono dall'ambito accademico e si legano a concezioni minimaliste, danzanti sequenze latine, ritmi rock e funk, collettivi urlati alla Don Ellis, sequenze free o cameristiche. Le concezioni orchestrali restano generalmente entro la tonalità ma non mancano momenti atonali come evidenzia "Never Straight Answer," il cui sviluppo riprende ancoraGil Evans nei suoi concetti elettrici.

La musica coinvolge (e spesso entusiasma) per l'ampiezza del suo spettro dinamico, l'audacia timbrica e i mutamenti di metro e di clima, che alternano tensioni e distensioni. Una fredda critica potrebbe giudicarli eccessivi ma gli arrangiamenti scorrono con fluidità, dando il giusto peso alla dimensione melodica e alla relazione collettivo/solisti.
La suite si snoda in 13 movimenti, che si legano l'uno all'altro con continuità. I titoli sono evocativi e rimandano a precise teorie cospirative. "The Enemy Within" si riferisce alla campagna anticomunista del senatore McCarthy negli anni della guerra fredda; "Best Friend Forever" allude alle concezioni che sostengono il complesso militare-industriale e così via. L'apprezzamento della musica va ovviamente oltre i possibili riferimenti extramusicali, che nel disco sono comunque deducibili dai testi recitati.
Un'opera eccentrica e sontuosa, che integra con coerenza le molte suggestioni della contemporaneità ed è tra le cose più riuscite e avvincenti dell'anno.

Track Listing: You Are Here; The Enemy Within; Dark Alliance; Trust No One; Silent Weapons for Quiet Wars; Best Friends Forever; The Hidden Hand; Casus Belli; Crisis Control; Apocalypse Is a Process; Never a Straight Answer; Who Do You Trust; You Are Here.

Personnel: Seneca Black, Jonathan Powell, Matt Holman, Nadje Noordhuis, Ingrid Jensen: tromba, flicorno; Mike Fahie, Ryan Keberle, Jacob Garchik, Jennifer Wharton: tromboni, tuba; Dave Pietro, Rob Wilkerson, Sam Sadigursky, John Ellis, Carl Maraghi: sassofoni, clarinetti, flauti; Sebastian Noelle: chitarra; Adam Birnbaum: pianoforte, tastiere; Matt Clohesy: contrabbasso, basso (elettrico, synth); Jon Wikan: batteria, percussioni. James Urbaniak: voce narrante; Darcy James Argue: direzione, composizione.

Year Released: 2016 | Record Label: New Amsterdam Records | Style: Big Band


Related Video

Shop

More Articles

Read Love Dance CD/LP/Track Review Love Dance
by Troy Dostert
Published: March 25, 2017
Read Reflections CD/LP/Track Review Reflections
by Mark Sullivan
Published: March 25, 2017
Read Back In Your Own Backyard CD/LP/Track Review Back In Your Own Backyard
by Budd Kopman
Published: March 25, 2017
Read Greatest Licks - I Feel Like Singin' CD/LP/Track Review Greatest Licks - I Feel Like Singin'
by Chris Mosey
Published: March 25, 2017
Read Through The Glass CD/LP/Track Review Through The Glass
by Nicola Negri
Published: March 25, 2017
Read Circles CD/LP/Track Review Circles
by Dan McClenaghan
Published: March 24, 2017
Read "Solstice" CD/LP/Track Review Solstice
by Budd Kopman
Published: December 17, 2016
Read "When You Wish Upon a Star" CD/LP/Track Review When You Wish Upon a Star
by Ian Patterson
Published: April 19, 2016
Read "That Feelin'" CD/LP/Track Review That Feelin'
by Jack Bowers
Published: October 7, 2016
Read "As If By Magic" CD/LP/Track Review As If By Magic
by Bruce Lindsay
Published: December 3, 2016
Read "More Than This" CD/LP/Track Review More Than This
by Henning Bolte
Published: February 28, 2017
Read "Prague After Dark" CD/LP/Track Review Prague After Dark
by Jack Bowers
Published: March 16, 2017

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: DOT TIME RECORDS | BUT IT  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!