Home » Articoli » Raffaello Pareti “The Roar At The Door”

Live Review

Raffaello Pareti “The Roar At The Door”

By

Sign in to view read count
Pinocchio Live Jazz - Firenze - 19.03.2011

Il ruggito alla porta di Lello Pareti è quello dei due strabordanti fiati che il contrabbassista toscano ha scelto per formare il suo nuovo gruppo: Francesco Bearzatti e Mauro Ottolini. Per loro - che peraltro si conoscono assai bene, avendo suonato assieme fin dall'epoca di Ecologic Island e dei Licaones - Pareti ha approntato un repertorio tutto nuovo e ben diverso da quello del suo ben noto gruppo Maremma: molto più dinamico e assai meno lirico, con una propulsione sostenuta dalla batteria dell'ottimo Walter Paoli e una gran varietà di temi e atmosfere: dalla melodia alle marce, dal blues al New Orleans, da New York a... Poggibonsi, cui il leader ha dedicato il brano conclusivo del concerto che il gruppo ha tenuto al Pinocchio di Firenze, "Poggibonsi State Of Mind".

Quest'ironia, spesso venata di amara denuncia, che attraversa molti titoli dei brani del quartetto - ricordiamo "Marameo," "Diavoletti ingegnosi" e, soprattutto, "De Profundis per il ceto medio" - l'ha fatta da padrona anche sul palcoscenico, grazie all'atteggiamento dei musicisti - in primis il solito, scatenatissimo Ottolini - pronti ad incalzarsi l'un l'altro, divertiti, così come a calcare teatralmente la mano su situazioni evocate dagli scenari musicali.

I due fiati, centro dell'attenzione del gruppo, sotto la guida di Pareti e la spinta propulsiva del suo contrabbasso sono risultati perfettamente accoppiati: straordinariamente creativo Bearzatti, che ha confermato la forte espressività al tenore e la tagliente agilità al clarinetto; potente, sempre positivamente sopra le righe al trombone, Ottolini ha stupito per la facilità di espressione alla tuba. Gli assolo dei due, ma anche il modo in cui le composizioni davano loro la possibilità di scambiarsi, hanno costruito in scena una musica vibrante e viva, piena di tensione e ritmo ma tutt'altro che astratta. Musica che è appena uscita su un disco omonimo per Artesuono, ma che certo dal vivo ha la sua dimensione migliore - come ha apprezzato senza riserve il pubblico presente a Firenze.

Foto di Luca D'Agostino

Post a comment


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Jazz article: Origin Story At Scott's Jazz Club
Jazz article: Roberta Gambarini At Dazzle

Popular

Read ECM Records Touchstones: Part 1
Building a Jazz Library
ECM Records Touchstones: Part 1
Read ECM Records Touchstones: Part 2
Building a Jazz Library
ECM Records Touchstones: Part 2
Read Kurt Rosenwinkel: Minor Blues

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.