Home » Articoli » Album Review » Paolo Ghetti: Profumo d'Africa

Paolo Ghetti: Profumo d'Africa

By

Sign in to view read count
Paolo Ghetti: Profumo d'Africa
E' un curioso inganno il titolo di questo bel CD licenziato dal contrabbassista Paolo Ghetti con il suo T.R. Quartet. Perché di Africa in senso tradizionale ce n'è veramente poca in Profumo d'Africa. E' vero che un ruolo da protagonista lo gioca il vibrafono, che nelle sue varie versioni tribali è uno degli strumenti principe utilizzati per narrare storie e umori del continente nero.

E' vero che l'elemento ritmico gioca un ruolo fondamentale nelle dieci composizioni, passando da pulsazioni elastiche a groove ipnotici, da uno swing d'altri tempi a scansioni metriche complesse e particolari. Ma il tutto viene giocato sul campo della migliore tradizione del jazz, l'Africa del titolo è più che altro una suggestione, una idea di solarità che ammanta le composizioni originali come i tre brani rivisitati.

Ciò che colpisce particolarmente nel debutto da leader del contrabbassista romagnolo è la grande attenzione agli arrangiamenti, eleganti e raffinati ma al contempo ricchi di pathos, attraversati da una pulsazione primordiale (ancora l'Africa ?). Ciò consente ai solisti di esprimersi compiutamente, con personalità all'interno di una trama espressiva coerente e coesa, decisamente ancorata ad un mainstream moderno ma altresì attraversata da fremiti appartenenti ad altri linguaggi che tolgono la registrazione dall'impasse di un prodotto di maniera, calligrafico e scontato.

Paradigmatico in questo senso è la versione di "Bluesette," lo storico brano di Toots Thielemans del quale viene conservata l'innata eleganza ma che una scomposizione ritmica insolita e degli assoli calibrati rivestono di una luce nuova e frizzante. Album intenso e colorato come sanno esserlo solo certi tramonti africani (eccola di nuovo...), Profumo d'Africa si segnala anche per una splendida versione, intimista, essenziale, di "Bejalor," un classico della musica brasiliana (ancora un inganno ?) firmato Cavaquinho.

Track Listing

01. Aspettando Anna (Ghetti); 02. Bluesette (Thielemans); 03. Desert's Dance (Ghetti); 04. Lalù (Ghetti); 05. Black Coffee (Webster/Burke); 06. Profumo d'Africa (Ghetti); 07. Blues For... (Rossi); 08. Bejaflor (Cavaquino); 09. Cippa Lippa (Fabbri).

Personnel

Paolo Ghetti
bass, acoustic

Paolo Ghetti (basso); Alessandro Di Puccio (vibrafono); Roberto Rossi (trombone); Alessandro Fabbri (batteria); Marco Tamburini (tromba) in #1, 6.

Album information

Title: Profumo d'Africa | Year Released: 2010 | Record Label: Caligola Records


< Previous
Ages

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

September Night
Tomasz Stanko Quartet
Our Way
Helveticus
Romance of the Moon
Yelena Eckemoff
Panoply
Denny Zeitlin

Popular

For Real!
Hampton Hawes
My Prophet
Oded Tzur
Nimble Digits
Geoff Stradling
Time Again
Koppel, Blade, Koppel

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.