Home » Articoli » Album Review » Lee Konitz - Ohad Talmor Big Band: Portology

1

Lee Konitz - Ohad Talmor Big Band: Portology

By

Sign in to view read count
Lee Konitz - Ohad Talmor Big Band: Portology
La foto di copertina ritrae una serie di tipiche abitazioni portoghesi, dai colori sfavillanti e variopinti. È una bella metafora per connotare questa nuova collaborazione discografica tra la leggenda vivente del jazz Lee Konitz e il sassofonista ed arrangiatore Ohad Talmor.

Una intesa umana ed artistica più che decennale tra i due artisti, che sembra aver dato nuova linfa vitale al magnifico contraltista di Chicago, oggi giovane ottantenne. Una piacevole sorpresa è costituita dall’eccellente cifra artistica della portoghese Orchestra Jazz De Matosinhos, che si destreggia con piglio autorevole tra un percorso compositivo già di per sé adamantino, articolato per lo più in forma di suite.

Vecchie e nuove, affascinanti composizioni konitziane e del suo empatico sodale vanno a costituire un multicolore mosaico sonoro, fatto di swing, free, jazz contemporaneo e perfino diradate perle di godereccio funk.

In bell’evidenza tutto il ricco, preciso, dinamico armamentario fiatistico ed anche la chitarra dell’ensemble sopra citato, destinato ad imporsi quale uno delle migliori realtà orchestrali del panorama europeo. Una preziosa scoperta da parte del duo Konitz/Ohad Talmor, che aveva già avuto modo di saggiarne tutta la duttilità nel corso di un tour lusitano di qualche anno fa.

È incredibile, ma rimane una vera e propria goduria sentir giganteggiare l’ottantenne Konitz con una autorevolezza ed una soavità interpretativa davvero impressionanti. Un solista sempre pronto a depistare i compagni di viaggio con deviazioni tematiche, per aleggiare sopra le note come una forza divina senza peso e senza tempo.

Una prova stratosferica la sua, che rende il disco impedibile per quanti (e siamo in molti) amano davvero Konitz, la sua storia e anche il suo glorioso presente.

Track Listing

01. Sound Lee; 02. June ’05; 03. A New Balad; 04. Ornetty; 05. September 11th; 06. Ornetty (part2); 07. ‘Dante; 08. To Be Or Not To; 09. Fragmente; 10. Tempo di Lee; 11. Moderato; 12. Relative Major. Tutte le composizioni sono di Lee Konitz/Olhad Talmor.

Personnel

Lee Konitz
saxophone, alto

Lee Konitz (sax alto); Ohad Talmor (direttore, arrangiatore); Orchestra Jazz De Matosinho.

Album information

Title: Portology | Year Released: 2008 | Record Label: OmniTone

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Skyllumina
Ruth Goller
Wonderful!
Mike LeDonne
Heart Mind and Soul
Randy Bernsen
Tidal Currents: East Meets West
Winnipeg Jazz Orchestra

Popular

Compassion
Vijay Iyer
Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.