Home » Articoli » Album Review » Shauli Einav: Opus One

Shauli Einav: Opus One

By

Sign in to view read count
Shauli Einav: Opus One
Opus One si potrebbe liquidare velocemente come un album neo-bop venato da atmosfere mediterranee e mediorientali. Niente di sorprendete se si pensa che Shauli Einav, il leader dell'ensemble, è l'ennesimo talento israeliano migrato nella grande mela e lì immediatamente inserito nella vivace scena musicale.

Solo che a differenza della maggior parte degli ormai illustri colleghi, Einav rimane fortemente ancorato ai canoni estetici del linguaggio boppistico: ritmi spesso vertiginosi alternati a ballads, serrate sequenze di assoli scintillanti, swing feroce, dialoghi mozzafiato, predominanza dell'aspetto esecutivo rispetto alla cura degli arrangiamenti.

Ecco forse proprio su questo aspetto Einav mette dei punti nel proprio carniere perché nella classica sequenza degli assoli inserisce aperture, cambi di ritmo e soluzioni alternative che contribuiscono a rimpolpare le scarne architetture e ad allargare gli orizzonti delle esecuzioni. Il quintetto si rivela assai affiatato, il leader palesa, soprattutto al soprano, una tecnica portentosa e i suoi dialoghi con il trombone di Andy Hunter non mancano di appeal.

Opus One, ennesima testimonianza di un modern mainstream di qualità, porta alla ribalta un musicista che quando saprà aggiungere alla indiscussa maestria esecutiva e compositiva un approccio più originale, potrà diventare alfiere importante della strada maestra del jazz.

Track Listing

01. Jerusalem Theme; 02. Kavana; 03. Naama; 04. The Damelin; 05. Hayu Leilot; 06. Interlude; 07. New Era Ballad; 08. Shavuot; 09. Coda. Tutte le composizioni sono di Shauli Einav.

Personnel

Shauli Einav
saxophone

Shauli Einav (sassofoni); Shai Maestro (piano); Andy Hunter (trombone); Joseph Lepore (contrabbasso); Johnathan Blake (batteria).

Album information

Title: Opus One | Year Released: 2011


< Previous
The Good News!

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

September Night
Tomasz Stańko
A Different Light
Carl Clements
Cubop Lives!
Zaccai Curtis
Beautiful Moons Ago
The Gabrielle Stravelli Trio

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.