Home » Articoli » Roxana Amed: Ontology

3
Album Review

Roxana Amed: Ontology

By

Sign in to view read count
Roxana Amed: Ontology
Per il titolo del suo settimo album Roxana Amed ha scelto un termine filosoficamente pregnante, la cui analisi risale ai presocratici. Ovviamente la cantante non s'interroga sull'essere in quanto essere ma restringe il campo alla sua dimensione personale, al suo essere cantante di jazz argentina, con un'identità in equilibrio tra due mondi.

«Mi ci è voluto un po' di tempo per trovare la parola che potesse riflettere questo viaggio—ha detto Roxana -che potesse tradurre anni di domande, rivelazioni, delusioni, finché non ho potuto vedere e ascoltare il mio nuovo io. Ancora una volta la voce mi ha guidato meglio della mente. Ha aperto la porta a un futuro, a possibilità che non erano così chiare nei miei pensieri. Quando riflettevo su questo—la mia identità, la mia ricerca intima—la parola ontologia mi è venuta naturalmente sulle labbra, dando coerenza a tutto l'album».

Nata a Buenos Aires, Roxana Amed vive negli Stati Uniti dal 2013 ed è acclamata nel suo Paese come la massima jazz vocalist. La sua personale e fantasiosa cifra espressiva è maturata anche grazie alle collaborazioni con i grandi jazzmen argentini Pedro Aznar, Guillermo Klein, Emilio Solla e alle varie esperienze svolte negli Stati Uniti. Quest'album è uno splendido esempio del percorso raggiunto, come dimostrano in particolare "Virgo" di Wayne Shorter, il davisiano "Blue in Green" e "Milonga por la ausencia," composto dalla cantante.

Roxana Amed è una vocalist completa, in possesso di alte risorse ritmiche, timbriche e armoniche e sa coinvolgere per lo spessore e le sfumature del canto, talvolta colloquiale, in un gioco di tensioni e languide distensioni. Il variopinto repertorio tradizionale argentino viene interpretato con ricca tensione emotiva e in stretto dialogo coi partner, in particolare il sassofonista Mark Small e il pianista Martin Bejerano. La relazione con quest'ultimo eccelle nel frenetico "Danza del viejo boyero" e nella struggente "Danza de la mosa donosa" del grande Alberto Ginastera (il testo è scritto dalla cantante) mentre Small affianca spesso Roxana nelle sue improvvisazioni vocali, con alti risultati nell'articolato e variopinto "Milonga por la ausencia." Un disco particolarmente ricercato dunque, con melodie cantabili e momenti rarefatti che si alternano ad estroversi brani danzanti d'impronta tradizionale con esempi di alta perizia tecnica. Ne risulta un percorso vivo e coinvolgente.

Album della settimana.

Track Listing

Tumbleweed; Chacarera para la mano izquerda; Peaceful; Virgo; Blue In Green; Last Happy Hour; Milonga Por La Ausencia; Ontology; El Regreso; Danza de la moza donosa; Danza del viejo boyero; Goodbye, Rose St.; Amor.

Personnel

Roxana Amed: voice / vocals; Martin Bejerano: piano; Mark Small: saxophone, tenor; Tim Jago: guitar; Aaron Lebos: guitar; Edward Perez: bass; Carlo De Rosa: bass; Ludwig Afonso: drums; Rodolfo Zuniga: drums.

Album information

Title: Ontology | Year Released: 2021 | Record Label: Sony Music


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter Since 1995, shortly after the dawn of the internet, All About Jazz has been a champion of jazz, supporting it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to rigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

More

Swings High
Joe Harriott
Séances
Trevor Dunn's Trio-Convulsant avec Folie À Quatre
Songs Of Ascent Book 1—Degrees
Dave Douglas Quintet

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.